Trump ha già speso tutti i soldi per la sicurezza sua e dell’intera famiglia

“Troppe case e troppi “cari”: il Secret Service ha finito i soldi messi in budget per la protezione del presidente Donald Trump e dei suoi familiari nei vari spostamenti lungo le loro molteplici residenze della East Coast e all’estero. Lo ha detto il direttore dell’agenzia federale che assicura la protezione del presidente, Randolph “Tex” Alles, in una intervista a Usa Today.

Tra ore lavorate e straordinari, oltre mille agenti hanno raggiunto i tetti stabiliti dal governo federale che avrebbero dovuto bastare per un intero anno, ha detto Alles. Gli uomini e le donne del Secret Service devono proteggere Trump, che si è spostato quasi ogni week-end nelle sue varie tenute in Florida, New Jersey e Virginia, la moglie Melania e i figli Donald Jr.,

Ivanka, Eric, Tiffany e Barron anche quando vanno in vacanza o in viaggi d’affari negli Usa e all’estero.

“Il presidente ha una grande famiglia e noi siamo tenuti a proteggerli per legge. Non posso cambiarlo. Non ne ho la flessibilità”, ha detto il capo del Secret Service.

Sotto Trump, che da oggi è di nuovo alla Casa Bianca dopo 17 giorni passati al suo club di golf di Bedminster nel New Jersey, sono aumentati anche in numero senza precedenti le persone con diritto alla protezione: sono 42, tra cui 18 membri della sua famiglia, contro 31 durante l’amministrazione Obama.