1. Getta via, vendi o regala tutto ciò di cui non hai davvero bisogno. Segui questa guida al minimalismo per aiutarti a decidere che cosa ci sia di troppo fra tutti quegli oggetti che conservi. Se c’è qualcosa che potrà servire a liberarti immediatamente dalla tua ansia, riuscendo a metterti a tuo agio, sarà proprio il fatto di compiere la scelta di conservare esclusivamente quegli oggetti che svolgono una loro precisa funzione, oppure quelli che, ai tuoi occhi, rivestono in sé un significato positivo.

2. Pianifica tutto ciò che fai. E con ‘tutto’ voglio dire proprio tutto. Tutti i tuoi documenti dovrebbero essere compilati, e le tue bollette ordinatamente archiviate non appena superano la soglia della porta di casa. A loro volta i tuoi vestiti dovrebbero essere riposti in modo che siano facilmente raggiungibili, e le cose di cui hai quotidianamente bisogno dovrebbero essere sempre conservate in un luogo dove tu possa facilmente trovarle. Così facendo ti risparmierai tutte le congetture e il rovistare alla ricerca di quel singolo oggetto qualsiasi che adoperi solo un paio di volte ogni mese (ma che, quando poi ne hai bisogno, è sempre urgente).

3. Non consumare ciò di cui non hai bisogno. E questo è il corollario — un corollario ben più complicato — dell’essersi liberati di tutto ciò che non si usa: dopo non potrai semplicemente andartene ad acquistare altra robaccia per rimpiazzare ciò che c’era prima. Quindi compra solo le provviste di cibo che effettivamente mangerai, e sii molto accorto e selettivo nei capi d’abbigliamento e negli altri prodotti che vorrai acquistare. Chiediti: poi li userai davvero? E poi, li desideri veramente, o li vuoi solo per poterti sentire meglio in quel determinato istante? Fidati di me: un conto in banca rimpinguato, e la sicurezza di esser riusciti ad avere un po’ più di autocontrollo ti faranno sentire molto meglio (così come del resto avere a disposizione uno spazio domestico semplice che sarai davvero in grado di gestire).

4. Metti te stesso al primo posto davanti alla tua vita lavorativa, e fallo il più spesso possibile. Ovvio che ci sono delle eccezioni — come quando ti tocca prenderti cura delle tue responsabilità, e in nome di esse rinunciare a qualche altro minuto di sonno per un’email importante — e qui tutto bene, almeno finché resti del punto di vista che tu non sei il tuo lavoro. Tu sei molto di più di ciò che fai e di quanto guadagni.

5. Fa’ qualcosa che ti aiuti a meditare. Se startene lì seduto a gambe incrociate a respirare non dovesse far per te, trova qualcos’altro che ti vada bene. Svolgi una qualsiasi attività che sia in grado di farti sentire più ancorato e presente a te stesso, e nell’istante. Se ciò significa metterti al volante e farti un bel po’ di chilometri coi finestrini abbassati e la musica della radio che pompa a tutto volume, fallo. Se ciò significa metterti a ballare, fallo in camera tua, ogni giorno. Se ciò significa metterti a dipingere, pianifica il tuo tempo per poter fare anche quello.

6. Impara a trasformare le tue attività domestiche in pratiche di natura terapeutica… ad esempio, il momento del bagno. Tanto lo devi fare comunque, e quella combinazione di acqua calda, dell’atto fisico del “ripulirsi” e del rilassamento dovuto a una doccia tiepida o a un lungo bagno alla fine di una giornata interminabile lo rendono una pratica quotidiana ideale per calmare i propri nervi. Accenditi una candela, metti su un po’ di musica e adopera dei sali per lavarti. Fa’ sì che i tuoi rituali assumano una natura meditativa, e concentrati sull’atto del lasciarti andare e del fare pulizia.

7. Comincia a compilare un tuo libro delle citazioni. È una raccolta di frasi, idee e paragrafi che risultano particolarmente in grado d’ispirarti e di farti riflettere, da trascrivere, organizzare e archiviare accuratamente, di modo che poi tu possa facilmente ritrovare qualsiasi cosa cerchi in un determinato istante. Suddividilo in capitoli dedicati a “ispirazione”, “guarigione”, “rapporti umani” o “lavoro”, e tieni costantemente traccia di tutte quelle piccole cose in cui incappi che saranno in grado di fornirti quell’ispirazione di cui hai bisogno.

8. Tieni un diario incostante. E non star lì a preoccuparti di dare alla tua vita una forma narrativa… un po’ come il libro delle citazioni, limitati ad appuntarti le tue idee, epifanie ed osservazioni man mano che ti sovvengono, nella vita di ogni giorno. Poi sarai libero di tornare a riflettere su tutte quelle cose che più di altre ti hanno portato a volerti esprimere, e ciò sarà in grado di fornirti un’idea di che cosa tu abbia bisogno di cambiare all’interno della tua vita, oppure di fare di più o di meno.

9. Quand’è sera accenditi delle candele. La loro fiamma, da sola, è ipnotica e in grado di esercitare un effetto rilassante; diffonderà nello spazio abitativo un odore migliore, e nel complesso gli conferirà atmosfera.

10. Sostituisci la tua dose quotidiana di tè/caffè con dell’acqua calda con miele e limone. È una bevanda rilassante, e offre degli incredibili benefici per la propria salute. Inoltre è senza dubbio più economica e più naturale della tua solita alternativa, il caffellatte. Impara ad apprezzarlo.

11. Paga solo in contanti. Ti sarà difficile finché non diventerà una tua abitudine, ma quando poi ci riuscirai non sarai più in grado d’immaginare come facessi prima di allora. Ti renderà consapevole di quanto spendi (facendoti capire quanto le piccole cose vadano a sommarsi le une alle altre), ti aiuterà a tenere sotto controllo il budget, e scongiurerà del tutto quel paventato rischio d’aver attinto — con un determinato acquisto — al “fondo bollette” (un timore che non dovrebbe mai sorgere).

12. Recita dei mantra. Anche se in un primo momento questa pratica potrebbe sembrarti un po’ troppo in stile new-age, ti garantisco che si tratta di un qualcosa di così straordinariamente potente che poi, una volta che ti sarai reso conto della profondità degli effetti che andrà acquistando, comincerai davvero a voler riflettere su che cosa sia questa cosa che vai ripetendo a te stesso. Qualunque cosa sia ciò di cui senti la mancanza, o ciò che vorresti in maggiore quantità, basta che tu dica di “essere” quella determinata cosa. Ad esempio: “Io sono al sicuro”. “Io sono in una situazione economica florida”. “Io sono sempre accudito”. “Io sono una persona di successo”. Così facendo si pongono le basi perché si possa compiere una profezia auto-avverante. “Io sono” è infatti la “preghiera” più potente che si possa pronunciare.

13. Smettila di rapportarti a quelle persone che non esercitano un’influenza positiva nella tua vita, e non sentirti tenuto a scusartene. Se poi loro vorranno chiamarti maleducato o scortese, lasciali pure fare. Tu non hai alcun obbligo di mettere gli altri a loro agio a scapito della tua stessa sanità mentale.

14. Preparati la cena da solo. Assemblare degli ingredienti, preparare degli alimenti e cucinarsi da soli i propri pasti è qualcosa che è in grado di tenerti saldamente coi piedi per terra. Ti farà sentire connesso, responsabile e padrone di te nel modo più semplice, e nel modo più umano.

15. Rifletti sulle cose di cui tendi a fruire in maniera inconsapevole. Cibo, musica, letture, televisione. Tutto ciò influenza il modo in cui ti senti nel corso delle tue giornate. Non sottovalutare il potere delle cose alle quali non ti rendi neanche conto di spalancare le porte della tua vita.

16. Chiediti quale genere di vita ti piacerebbe vivere, e in base alla tua risposta orienta gli altri tuoi scopi. Se ad esempio ciò a cui pensi d’aspirare è “avviare un’impresa”, chiediti se poi t’appassionerebbe anche tutta l’annessa routine quotidiana — o se invece t’importerebbe solo del fatto di potertene vantare, e di proiettare un’immagine di successo. È questo, più di qualsiasi altra cosa, il modo in cui si può tracciare il percorso più adatto a se stessi.

17. Concentrati su scopi molto più realistici del solito. Magari in realtà non otterrai niente di più o di meno di quanto tu non sia abituato, ma almeno così ti sarai liberato dai sensi di colpa legati alla convinzione che avresti dovuto fare di più.

18. Trova la tua massima gioia nella semplicità della vita quotidiana. Dimostra a te stesso di non aver bisogno di niente di particolarmente stravagante per poter godere di un’esperienza interiore davvero meravigliosa. Così come non hai certo bisogno di alimenti particolarmente costosi per fare un ottimo pasto. Per incominciare a vivere la vita che vorresti non avrai bisogno di nient’altro se non di ciò che oggi hai già. Come mai? Perché la vita a cui tu aspiri si fonda in ultima analisi su una sensazione — una sensazione che puoi auto-indurti a provare semplicemente alterando la tua percezione.

19. Fa’ molta attenzione a ciò che vai cercando. Perché lo troverai, sempre e comunque. Se ciò a cui inconsapevolmente aneli è scoprire tutto ciò che non va nella tua vita, di modo da costringere te stesso a cambiarla, questo è esattamente ciò che otterrai. Se ciò di cui vai alla ricerca è la scoperta di tutti quegli ambiti in cui non sei all’altezza, esattamente come temevi, anche in questo caso sarà esattamente ciò che avrai. (E quindi, ovviamente, sarai anche in grado di far avverare l’esatto opposto).

20. Sviluppa una tua filosofia personale, e lascia che essa ti guidi nella vita e nelle tue decisioni quotidiane. Se non possiedi alcuna particolare convinzione personale sul perché noi siamo qui, su che cosa sia ciò che stai facendo in realtà, su quale sia il tuo scopo, e così via, finirai per vivere una vita assolutamente insoddisfacente, carica di preoccupazioni, di ansie e d’instabilità. Non sarai certo tenuto ad adottare le convinzioni di una particolare religione, o di un certo gruppo di persone, ma dovrai abbracciare ciò che sentirai genuinamente appartenerti. Non perché qualcun altro te l’avrà detto… ma perché sarà coerente con la persona che intrinsecamente sei, e col modo in cui sei naturalmente portato a ragionare.

21. Smettila di provare a fare il poliziotto di te stesso. Contrariamente a ciò che ti dice il tuo istinto, gran parte degli sforzi che eserciti per “tenere sotto controllo le tue emozioni” risultano completamente inutili. Più riesci a integrare ogni aspetto della tua personalità, meno tenderai a spendere inconsapevolmente le tue energie nel tentativo di soffocare i sentimenti, contribuendo in tal modo a peggiorare la tua condizione di stress, e a incamminarti lungo una strada che prima o poi ti porterà ad implodere. Sopprimere e ignorare quegli aspetti “negativi” delle persone che siamo è più pericoloso di quanto non lo sarebbe accettarli. (Nel campo della psicologia in alcuni casi ci si riferisce ad essi col termine di “sé-ombra”, o in terapia della Gestalt — medical-dictionary.thefreedictionary.com/gestalt+therapy).

22. Smettila di convincerti che il modo in cui tu percepisci le cose è anche il modo in cui le cose stanno in realtà. Lasciati lo spazio necessario per sentirti sorpreso. Ricorda che quando ti trovi in un luogo che t’incute paura, è solo perché in quel determinato momento non stai osservando le cose con la dovuta chiarezza, o non le stai vedendo per ciò che sono in realtà. Ricorda anche che non potrai mai formulare previsioni affidabili su ciò che ti renderà felice, ma potrai sempre decidere di andare alla ricerca della gratitudine, e della pace interiore, nel momento presente.

Sorgente: 22 abitudini che renderanno la tua vita quotidiana un po’ più serena

Leave a Reply

Your email address will not be published.