Il missile è passato sopra il territorio del Giappone per poi finire in mare a circa 1.180 chilometri da Hokkaido. Le autorità di Tokyo hanno allertato i cittadini di Tohoku

La Corea del Nord ha lanciato un missile sconosciuto che ha sorvolato il territorio giapponese. Le autorità di Tokyo hanno invitato i cittadini giapponesi di Tohoku a prendere precauzioni e trovare riparo nei rifugi sottoterra, sebbene non si conosca il tipo di missile sparato.

Il missile è stato lanciato alle 5.57 locali da Pyongyang (poco prima delle 23.30 ora italiana). Secondo l’agenzia sudcoreana il missile si è rotto il tre parti ed è finito in mare a circa 1.180 chilometri da Cape Erimo nell’isola di Hokkaido. «Il missile ha percorso il nostro spazio aereo», ha confermato il primo ministro giapponese, Shinzo Abe. Secondo i media sudcoreani è il primo disegnato per trasportare una testata nucleare.

In tutta risposta le Forze armate della Corea del Sud hanno sganciato otto bombe vicino al confine con la Corea del Nord in una dimostrazione di «forza travolgente» – come l’hanno definita i media locali. Lo scrive il quotidiano britannico Independent. Per questa mattina è stata convocata una riunione d’urgenza del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

«Ogni sforzo per proteggere popolo giapponese»

La forza militare giapponese non avrebbe tentato di abbattere il missile che, secondo fonti militari della Sud Corea, era stato lanciato dalla regione del Sunan, nelle vicinanze della capitale nordcoreana Pyongyang. Il premier Shinzo Abe ha detto che «faremo ogni sforzo per proteggere la vita delle persone». La dichiarazione è stata resa alla stampa in un breve briefing prima che Abe entrasse nel suo ufficio per delle riunioni di emergenza sul missile nordcoreano che ha sorvolato il Paese. La Corea del Sud, in risposta al missile lanciato da Pyongyang che ha sorvolato il territorio giapponese prima di cadere nelle acque a est di Hokkaido, ha tenuto manovre aeree con quattro caccia F-15 che hanno sganciato otto bombe MK-84 su target al Pilseung Range, campo militare sulla costa orientale: il portavoce presidenziale Park Su-hyun ha detto che il direttore della sicurezza nazionale Chung Eui-yong ha avuto un colloquio con la controparte americana H.R. McMaster sull’ultima «provocazione» del Nord. Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu si riunirà oggi d’urgenza su richiesta di Usa, Corea del Sud e Giappone «sulle minacce a pace e stabilità» per l’ultimo missile balistico lanciato in mattinata dalla Corea del Nord. Lo riporta l’agenzia Yonhap, citando un funzionario del ministero degli Esteri di Seul. Il vettore ha sorvolato il Giappone finendo nel Pacifico al largo di Hokkaido. Il presidente Donald Trump e il premier nipponico Shinzo Abe hanno avuto una telefonata sulla vicenda, convenendo di tenere viva la pressione su Pyongyang.

Colloquio Abe-Trump

Il missile il primo disegnato per trasportare una testata nucleare: lo riportano i media sudcoreani. Caduto nel Pacifico settentrionale dopo ben 2.700 km e il sorvolo del Giappone, il vettore fa parte di una mossa che, secondo i militari di Seul, è la più aggressiva di Pyongyang verso un alleato Usa. Costituisce poi un monito a Washington e Seul per le loro manovre militari su vasta scala, commentano i media. E’ il 18esimo lanciato da Pyongyang nel 2017. Il primo ministro giapponese, Shinzo Abe, e il presidente americano, Donald Trump, hanno discusso al telefono e concordato di aumentare la pressione sulla Corea del Nord. Il colloquio è durato circa 40 minuti e i due leader hanno concordato pienamente sulla posizione e le misure da prendere di fronte alle provocazioni nordcoreane, ha dichiarato Abe all’emittente Nhk.

Le reazioni

Il lancio da parte della Corea del Nord di un missile sopra l’isola giapponese di Hokkaido costituisce «una grave minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale»; ha detto l’Alto rappresentante per la politica estera dell’Unione europea, Federica Mogherini, esprimendo il suo sostegno al Giappone per «la minaccia diretta». L’Ue sostiene la convocazione d’urgenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Nella sua dichiarazione, Mogherini ha evocato la possibilità di ulteriori sanzioni contro la Corea del Nord. «L’UE considererà un’ulteriore risposta appropriata in stretta consultazione con partner chiave e in linea con le deliberazioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu», ha detto Mogherini. La Cina critica il lancio del missile dopo il sorvolo del Giappone, ma invita le parti all’«autocontrollo» mettendo in guardia che l’inasprimento del pressing su Pyongyang «non risolverà fondamentalmente il problema». Pechino «s’oppone» alle mosse del Nord in violazione delle risoluzioni dell’Onu, ha affermato Hua Chunying, portavoce del ministero degli Esteri. «La situazione resta altamente sensibile e tutti dovrebbero creare le condizioni per la ripresa del dialogo e i negoziati». Un atto «irresponsabile»: il presidente francese Emmanuel Macron, dinnanzi alla conferenza degli ambasciatori riuniti a Parigi, condanna il lancio del missile nordcoreano che ha sorvolato il Giappone. La Francia, ha aggiunto il presidente, è per una politica «intransigente» nei confronti di Pyongyang e resta pronta ad assumere ogni iniziativa per placare la situazione. Il leader trentanovenne di Parigi ha infine rivolto un messaggio di solidarietà al Giappone.

I precedenti

Gli ultimi lanci-provocazione del regime di Kim Jong-un risalgono alla notte tra venerdì e sabato in Europa (sabato mattina in Corea del Nord): tre missili balistici a corto raggio sono stati lanciati nell’arco di 30 minuti: uno è esploso subito, gli altri due hanno percorso circa 250 chilometri.

Sorgente: Corea del Nord, lanciato missile non identificato che sorvola il Giappone – Corriere.it