Ieri l’ennesimo attentato nella capitale afghana: il bilancio è di almeno cinque morti e una decina di feriti

 

Una violenta detonazione, nei pressi dell’ambasciata americana a Kabul, ha provocato ieri almeno cinque morti e una decina feriti (il bilancio risulta però ancora provvisorio e, stando a quanto riportato da Tolo tv5, potrebbe peggiorare). Stando alle prime ricostruzioni dell’accaduto, si è trattato di un attentato suicida consumatosi intorno alle 10 ora locale (le 7.30 in Italia). Lo hanno reso noto fonti governative afgane, che hanno spiegato che l’azione, rivendicata dai Talebani, si è consumata di fronte ad una banca presso la quale numerosi membri delle locali forze di sicurezza erano in fila per ritirare lo stipendio.

L’istituto di credito – riferiscono le agenzie – è situato in una strada molto trafficata che conduce a piazza Massoud, nelle vicinanze del quartiere della capitale afghana in cui si trovano la maggior parte degli edifici che ospitano le rappresentanze diplomatiche straniere. L’area è stata immediatamente isolata. Si tratta dell’ennesimo attentato nella capitale afghana, che arriva tre mesi dopo la terrificante esplosione di un camion-bomba nella stessa area, che provocò la morte di circa 150 persone.

Va inoltre registrata, quanto alla situazione generale del Paese, l’ulteriore notizia secondo cui lunedì sei soldati pachistani, penetrati per alcune centinaia di metri in territorio afghano nell’ambito di lavori di recinzione della frontiera – riferisce Huffington Post citando come fonte l’agenzia di stampa locale Pajhwok – sono morti (e altri cinque feriti) per un’improvvisa esplosione nella provincia sudorientale di Paktika. L’opera di rafforzamento delle strutture a protezione del confine – ricordano i media – è stata decisa per ostacolare il transito attraverso lo stesso dei miliziani che compiono attacchi in un Paese per poi rifugiarsi nell’altro.

 

Sorgente: I Talebani colpiscono ancora Kabul – giornaleditalia