La tensione fra Corea del Nord e Stati Uniti non sembra destinata a finire nel breve tempo, e tutti ora attendono il prossimo test balistico di Pyongyang per comprendere fino a che punto possa giungere le provocazione di Kim Jong-un. Sono ore febbrili, in cui la diplomazia mondiale tenta il possibile per evitare l’ulteriore innalzamento del livello di guardia, ma in cui le opzioni militari, soprattutto da parte del Pentagono, diventano sempre più possibili. Cina, Russia e Nazioni Unite si stanno impegnando senza sosta per evitare che si giunga al conflitto, che avrebbe conseguenze devastanti sulla penisola coreana e sulla stabilità della politica mondiale, ma le provocazioni nordcoreane unite alle esercitazioni congiunte fra Stati Uniti e Corea del Sud, non sembrano far sperare, almeno per adesso, a un rapido dissolvimento delle nubi di guerra. Il segretario alla Difesa Usa, Jim Mattis, insieme al segretario di Stato, Tillerson, hanno sempre detto di ritenere l’opzione bellica una scelta residuale rispetto a quella diplomatica: sia per i rischi di una catastrofe nucleare, sia per il pericolo di un’esplosione dell’Asia orientale e dell’effetto domino conseguente a un’escalation militare. Tuttavia, inutile negarlo, il Pentagono ha già da tempo previsto la possibilità di un intervento militare in Corea del Nord. E questo piano ha un nome: Oplan 5015

Oplan 5015 il piano d’attacco previsto dai comandi sudcoreani e statunitensi nel 2015, e porta la firma di Choi Yoon-hee e di Curtis Scaparrotti. L’obiettivo di questo piano sarebbe quello di colpire la Corea del Nord anche attraverso uno strike preventivo, qualora le minacce di Kim diventassero talmente da gravi da far ritenere imminente un attacco da parte di Pyongyang nei confronti degli alleati americani in Asia orientale. Strike preventivo che avrebbe un nuovo scopo rispetto ai piani di attacco delle versioni precedenti: colpire Kim Jong-un. Secondo quanto riportato dai media coreani e giapponesi, che hanno avuto modo di avere soltanto dei frammenti di Oplan 5015, l’idea di questo piano d’attacco sarebbe quella di colpire chirurgicamente la Corea del Nord: i comandi militari, gli arsenali, i maggiori centri di sviluppo dei programmi missilistici e, infine, anche la possibilità di colpire il palazzo presidenziale e i luoghi dove potrebbe esserci il leader nordcoreano, decapitando in questo modo il regime. Il tutto avverrebbe con l’uso della marina e dell’aviazione e con un numero ristretto di uomini, in particolare delle forze speciali, che dovrebbero penetrare in territorio nordcoreano per sferrare attacchi quasi di guerriglia ad alcuni punti fondamentali dell’infrastruttura militare e politica di Pyongyang, portando il regime al collasso

Rispetto al precedente piano d’attacco, classificato come Oplan 5027, il nuovo ha la caratteristica peculiare di non prevedere, almeno da subito, una guerra su vasta scala che assomigliasse alla Guerra di Corea del secolo scorso. La logica sarebbe anzi proprio quella di fare in modo che vi siano più attacchi contemporanei su tutti i centri d’informazione, intelligence e militari del Paese in modo da colpire la stessa capacità di risposta delle forze di Pyongyang. In questo modo, si renderebbe concreta la volontà statunitense e sudcoreana di ridurre il più possibile i costi umani ed economici di questa possibile guerra, costruendo un sistema di risposta alle minacce di Kim fondato sulla rapidità e sulla semplificazione degli attacchi. Le esercitazioni congiunte Usa-Corea del Sud denominate Foal Eagle 2017, che coinvolgono più di 300.000 militari americani e sudcoreani durante due mesi di formazione sul campo e tramite simulazione computerizzate, sono un esempio perfetto di questo nuovo approccio all’eventualità di un conflitto con la Corea del Nord.

Il problema di questo piano, così come illustrato da alcuni illustri analisti dell’esercito americano, è tuttavia quello di non comprendere il fatto che, sebbene pretenda di non iniziare una guerra su vasta scala, non considera da subito il fatto che i bombardamenti chirurgici si trasformino in un conflitto aperto e devastante fra i due eserciti. In questo caso, il problema sarebbe duplice. Da un lato, la Corea del Nord non avrebbe alcuna pietà nel colpire il territorio della Corea del Sud, coinvolgendo milioni di civili. Dall’altro lato, in caso d’intervento di terra, sarebbero i soldati coreani quelli impegnati sul terreno, mentre gli Stati Uniti fornirebbero principalmente supporto navale e aereo. Un’ipotesi per la quale Seul ha già chiesto di modificare il piano di attacco e che ha fatto infuriare il parlamento nel momento in cui non ha avuto modo di accedere ai dettagli su Oplan 5015. A questo, si aggiungono poi i profili politici di un regime al collasso ma senza “regime change”. In sostanza si distruggerebbe un intero sistema politico e militare senza però presentare un’alternativa credibile non soltanto alla popolazione civile del Paese, ma anche alla comunità internazionale. Colpire la Corea del Nord e decapitarla uccidendo Kim può essere un piano d’attacco funzionale alle aspirazioni americane, ma senza una strategia a lungo termine non avrebbe alcun senso. Infine, dato non irrilevante, la Cina ha già da tempo affermato di non accettare una decisione di Washington di colpire preventivamente Pyongyang, alimentando i dubbi su un possibile intervento cinese a sostegno della Corea del Nord. Oplan 5015 potrebbe diventare presto operativo: ma i pericoli della sua attivazione rischiano di essere addirittura più gravi delle minacce di Kim Jong-un.

 

Sorgente: Così il Pentagono ucciderà il dittatore Kim Jong-un