Il tiro da tre non entra (7/29) e agli azzurri salta il banco. Istanbul sarà certa in caso di vittoria della Georgia con Israele o di successo azzurro domani, proprio contro i georgiani. Ma c’è ancora la possibilità di chiudere secondi (con un successo domani): se Israele le vince entrambe e se la Germania perde con la Lituania.L’Italia perde con la Germania 55-61 nonostante una grande prova difensiva su Schroder e compagni (per i primi tre quarti) e deve rimandare la certezza di poter essere qualificata agli ottavi di finale, dipendente da una vittoria della Georgia nella gara successiva contro Israele. Ammettendo la vittoria di domani contro i georgiani all’ultima giornata del girone, gli azzurri potrebbero comunque ancora arrivare secondi nel caso Israele vincesse entrambe le partite e la Germania perdesse domani con la Lituania.POTREBBE INTERESSARTI ANCHELa Lituania si conferma bestia nera azzurra: Italia battuta 78-73, ma niente è compromessoContro i tedeschi è sfida storica e in più, oggi, chi vince si qualifica matematicamente per gli ottavi di finale. Il successo nel primo match di giornata della Lituania sull’Ucraina manda la squadra di Adomaitis a Istanbul (quasi sicuramente da prima del girone); agli azzurri l’occasione di mettere le mani sul secondo posto che vorrebbe dire incrociare la Polonia, momentaneamente terza nel gruppo A.Alla prima tripla Tadda risponde Belinelli e il match si accende subito. Schroder è il pericolo numero uno per la difesa azzurra ma il playmaker degli Atlanta Hawks – futuro compagno di Belinelli – dopo il primo assist alla sua guardia caracolla per il campo col suo fare ciondolante e Hackett con un’ottima difesa produce il primo vantaggio azzurro (8-3). L’Italia tiene la testa avanti grazie a buone rotazioni difensive anche con gli ingressi di Filloy, Aradori e Biligha. In attacco forziamo qualcosa di troppo mentre dall’altra è Tadda a prendere per mano la Germania costringendo l’Italia al quarto fallo di squadra a 3′ da fine quarto. Voigtmann segna il 10-10 dalla lunetta, primo quarto in totale equilibrio con polveri bagnatissime: 17-16. Il primo vantaggio tedesco lo firma il rientrante Schroder a inizio secondo parziale. Hackett su di lui difende bene ma paghiamo il tiro da fuori degli altri: il canestro dalla lunga di Theis dà il massimo vantaggio ai tedeschi (19-24). Datome da 3 punti accorcia, l’Italia è viva ma in attacco continua ad affidarsi troppo alle soluzioni perimetrali, senza punire i tanti errori avversari. E’ in difesa però che possiamo fare la differenza e dopo il pareggio con i due liberi di Datome, Belinelli ci rimanda avanti col suo 9° punto (27-24). Il 32% dal campo (con tre airball) non rende merito al lavoro difensivo dei ragazzi di Messina, perfetti da una parte, totalmente fuori partita dall’altra. La Germania (che non tira tanto meglio, 38%) resta nel match giocando nel complesso peggio di noi. 29-29 all’intervallo.Dennis Schroder, Italia-Germania Eurobasket 2017Getty ImagesBelinelli prosegue nel suo digiuno a referto sbagliando anche in terzo tempo comodo da centro area (3/12 fin qui) e Heckmann ci punisce da tre. La difesa su Schroder funziona ma l’attacco azzurro continua a stentare; la Germania invece scalda le mani tenendo un possesso di margine (35-38). Azione emblematica a fine terzo quarto: l’Italia ha tre tiri in un’azione, li prende tutti da tre e li sbaglia tutti; dall’altra parte Voigtmann dà il +4 ai suoi (37-41). L’ultimo quarto si apre con una novità tra gli azzurri: Cinciarini, fin qui mai utilizzato nei momenti caldi delle partite ma subito nel vivo con due rimbalzi e un recupero in attacco. L’Italia continua a insistere con il tiro da tre ma non è serata (4/23) e i tedeschi tengono i due possessi di vantaggio (40-45), che diventano tre con i liberi di Schroder a 4′ dalla fine. Filloy è l’unico azzurro che attacca il canestro con continuità e i suoi lacrimoni” alzando la parabola gli valgono un’altra doppia cifra (15) e la palma di migliore in campo. Il bonus in favore dei tedeschi ci punisce però ogni volta che il gioco si ferma e ritrovare il pari diventa un’impresa. La Germania prende fiducia e l’Italia sparacchia da tre punti crollando sempre più nelle percentuali. La forbice si allarga fino al -11 e a 1′ dalla fine la gara è in tasca ai tedeschi. Si salva Filloy tra gli azzurri che segna due triple nel finale ma sono solo uno zuccherino per un’Italia che perde così la possibilità di finire tra le prime due del girone B. Ora dipendiamo dalla Georgia, in tutti i sensi: qualificati matematicamente se la squadra di Zouros batte questa sera Israele e se noi vinciamo con loro domani.

Sorgente: La difesa non basta: Italia sconfitta dalla Germania 55-61 e non ancora agli ottavi – Europei 2017 – Basket – Eurosport

Leave a Reply

Your email address will not be published.