Azzurri ancora sottotono: si salvano Immobile, autore del gol decisivo, Candreva e pochi altri. Ottimo l’ingresso nella ripresa del neo terzino del Chelsea, poco efficace la coppia formata dal centrocampista del PSG e da De Rossi.

Italia

Gianluigi BUFFON 6,5 – Stavolta, niente critiche. Decisivo nel primo tempo, quando vola su Cohen, e poi nel finale su Ben Chaim. Due parate di difficoltà diversa l’una dall’altra, ma entrambe fondamentali.

Andrea CONTI 5,5 – Mezzo voto in più per la diagonale che nel primo tempo ferma Kabha quasi davanti a Buffon. Davanti non punge: mai sul fondo, mai al cross (dal 49′ Davide ZAPPACOSTA 7 – Indiavolato. Dà alla fascia destra una brillantezza che Conti non era riuscito a portare, dimostrando determinazione e fiato e salvando capra e cavoli in uno dei rarissimi contropiedi israeliani. Gran partita)

Andrea BARZAGLI 6 – Ha di fronte a sé avversari ben diversi da quelli affrontati a Madrid. Vede i fantasmi nel miglior momento di Israele, ma stavolta non sbaglia.

Davide ASTORI 5,5 – Trascina sempre un po’ troppo la palla, rallentando l’azione azzurra. E nel finale rischia di combinare la frittata, perdendosi goffamente Ben Chaim in un uno contro uno: Buffon, per sua fortuna, lo salva.

Matteo DARMIAN 6 – Discretamente efficace, almeno a tratti, la catena di sinistra con Insigne: fa l’ala più che il terzino, duettando con il compagno e sovrapponendosi continuamente. Non tutti i cross vanno a destinazione, ma la brillantezza c’è.

Marco VERRATTI 5 – Tanti lanci per gli attaccanti, tanti palloni buttati sul fondo. Niente da fare: anche stasera il piede non è registrato. Nervoso, si fa ammonire proprio come in Spagna ed esce tra i fischi (dal 90′ Riccardo MONTOLIVO s.v.)

Daniele DE ROSSI 5,5 – Non molto meglio di Verratti. Anzi: sbaglia tanto in impostazione e quando ha la possibilità di calciare dal limite spara due volte in curva.

Antonio CANDREVA 6,5 – Pure lui non fa sempre tutto bene, ma se non altro ha il merito di servire molto meglio degli altri e con maggiore continuità gli attaccanti. Insigne spreca davanti al portiere, Immobile no (dall’87’ Federico BERNARDESCHI s.v.)

Andrea BELOTTI 5,5 – L’occasione che si divora dopo una quarantina di secondi è un triste presagio: ne seguirà un’altra, poi un’altra ancora. Porta stregata, come a Madrid, nonostante la consueta buona volontà.

Ciro IMMOBILE 6,5 – Il gol, provvidenziale sia per lui che per l’Italia, rilancia e salva una prestazione faticosissima anche da parte sua. Poco incisivo nel primo tempo, psicologicamente libero dal 53′ in poi.

Lorenzo INSIGNE 5,5 – Gli manca sempre il cosiddetto centesimo per fare una lira. Buoni tocchi per i compagni, buone idee, ma poca concretezza sia nell’assist finale per i compagni che nella conclusione personale.

Ct. Giampiero VENTURA 5,5 – Poche storie: contro una formazione così mediocre ci si aspetta molto di più. E invece, per gran parte della gara agli azzurri mancano idee e uno straccio di gioco. Vinciamo, sì, ma senza incantare.

Israele

Harush 6,5; Keljtens 5,5, Ben Haim 7, Tzedek 6,5, Davidzada 5,5; Kabha 6, Natcho 5,5, Cohen 6 (78′ Einbinder s.v.); Shechter 5 (69′ Benayoun 5,5), Refaelov 5, Melikson 5,5 (62′ Ben Chaim 6). Ct. Levi 6

Sorgente: Le pagelle di Italia-Israele 1-0: Zappacosta entra benissimo, Verratti delude ancora – Qualificazioni Mondiali Europa 2018 – Calcio – Eurosport

Leave a Reply

Your email address will not be published.