Vietato “consumare vivande” e “bere alcolici” sui mezzi pubblici per “tutelare la sicurezza dei viaggiatori”. Multa prevista tra i 100 e i 300 euro. È solo una delle novità più strane del “Regolamento della Polizia urbana” di Roma al vaglio della giunta di Virginia Raggi. La bozza del nuovo statuto – scrive il Messaggero – è stato elaborato dal comandante generale Diego Porta e dal delegato alla Sicurezza Marco Cardilli. Dopo la sua consegna ai consiglieri di maggioranza, dovrebbe approdare in Comune entro metà ottobre.Introdotto nel 2003, rimane il “divieto di esporre o stendere all’aperto, entro l’abitato, biancheria, tappeti, tessuti e qualunque altro oggetto e di sciorinare biancheria od altri oggetti simili anche in aree, recinti o spazi privati che siano visibili dalle vie e piazze pubbliche”.Si rischia una multa che va da 50 a 300 euro, la stessa cifra che potrebbe colpire chi ascolterà musica ad alto volume in macchina. “L’emissione sonora non deve propagarsi al di fuori dell’abitacolo dei veicoli”, dice la bozza.

L’articolo 7 – continua il Messaggero – rende obbligatorio per tutti i condomini dotarsi di citofono: la multa può arrivare fino a 150 euro. E ancora: l’antifurto degli appartamenti potrà suonare al massimo per cinque minuti, oppure la sanzione sarà di 300 euro.Il nuovo regolamento inasprisce anche le multe per alcuni divieti già in vigore. Beccato a bivaccare su una fontana? Non più 240 euro, ma 450. Imbratti un muro? 400 euro. Raddoppia la cifra relativa ai lavavetri: da 80 a 160 euro. E “il consumo di alcol all’aperto sarà proibito dalle 23 anziché dalla mezzanotte”, con il vetro al bando già dalle 22.

Sorgente: “Vietato mangiare sui bus. E stendere i panni fuori”. I 35 nuovi divieti al vaglio della giunta Raggi

Leave a Reply

Your email address will not be published.