Gli Stati Uniti devono aspettarsi “una risposta molto forte, con conseguenze insostenibili”. Le nuove sanzioni imposte dall’Onu alla Corea del Nord non bastano a disinnescare la guerra delle dichiarazioni tra Pyongyang e Washington. Anzi, tramite i suoi portavoce Kim Jong-un promette all’America che presto sperimenterà “il dolore più grande mai provato”. “Finché avremo il nostro arsenale nucleare – afferma un funzionario nordcoreano alla Cnn – potremo garantire la sicurezza e la pace per il nostro Paese”.Nel frattempo Seul spaventa il dittatore nord coreano, e sta lavorando per costituire e addestrare entro la fine dell’anno una task force delle forze speciali chiamata ‘Decapitation Unit’, il cui obiettivo è proprio quello di ucciderelo. Lo scrive il New York Times, spiegando che l’unità avrà le dimensioni di una brigata. Dunque almeno 1.500 uomini che agiranno col supporto di elicotteri e aerei da trasporto per penetrare la Corea del Nord e lanciare raid notturni.Per quanto riguarda le sanzioni, Pyongyang sa che poteva andare molto peggio – la bozza originale stilata dagli Usa prevedeva l’embargo petrolifero – ma lo schiaffo c’è comunque stato e si farà sentire sull’economia nordcoreana. Il compromesso – necessario per raccogliere il placet anche di Russia e Cina – prevede lo stop alla fornitura alla Corea del Nord di gas naturale e derivati del petrolio oltre la soglia di 500mila barili per tre mesi, dal primo ottobre al 31 dicembre, e oltre 2 milioni di barili all’anno a partire dal primo gennaio 2018. La risoluzione prevede poi il divieto dell’export di prodotti tessili, che sono la seconda maggiore esportazione del Paese, per un totale di 752 milioni di dollari, quasi l’80% destinato alla Cina.

A frenare l’adozione di misure ancora più dure è stata l’intransigenza di Pechino, supportata da Mosca. Agli Usa non restano che i moniti, come quello lanciato oggi dal segretario al Tesoro Steven Mnuchin all’indirizzo dei cinesi: Pechino “deve rispettare le sanzioni imposte dall’Onu” alla Corea del Nord; se non sarà così, “agiremo di conseguenza” – ha aggiunto Mnuchin – non escludendo in tal caso sanzioni alla Cina. Di certo la Corea del Nord sarà uno dei temi al centro dell’incontro tra Donald Trump e il presidente cinese Xi Jinping: secondo quanto scrive l’agenzia Bloomberg, il leader americano sarà in Cina a novembre, nell’ambito di un viaggio che lo porterà anche ai vertici dell’Asia-Pacific Economic Cooperation e dell’Associazione dei paesi del sud est asiatico che si terranno in Vietnam e nelle Filippine.Pyongyang fa sentire la sua rabbia promettendo conseguenze. “La mia delegazione condanna nei termini più forti e categoricamente respinge l’ultima illegale risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’Onu”, tuona l’ambasciatore nordcoreano Han Tae Song, rivolgendosi alla conferenza sul disarmo promossa dall’Onu a Ginevra. Han ha accusato l’amministrazione statunitense di essere “ossessionata dal gioco selvaggio di invertire lo sviluppo della forza nucleare della Corea del Nord, che ha già raggiunto la fase di completamento”. “Le prossime misure della Corea del Nord faranno soffrire agli Usa il più grande dolore che abbia mai sperimentato nella sua storia”, ha minacciato Han.”Non stiamo cercando la guerra”, aveva invece rimarcato dopo la votazione l’ambasciatrice statunitense alle Nazioni Unite, Nikki Haley, “il regime nordcoreano non ha ancora superato il punto di non ritorno”. “Se accetta di fermare il suo programma nucleare, può recuperare il proprio futuro”, ma se prosegue “il suo percorso pericoloso, continueremo con ulteriori pressioni”, ha affermato Haley, che ha accreditato una “forte relazione” tra il presidente Donald Trump e il suo omologo cinese Xi Jinping per i negoziati che hanno portato all’approvazione della risoluzione. Un pacchetto di misure che “ha francamente inviato un messaggio chiaro e non ambiguo al regime che la comunità internazionale è stanca, non è più disposta a sopportare comportamenti provocatori da questo regime”, ha sottolineato l’ambasciatore americano per il disarmo, Robert Wood, “la mia speranza è che il regime senta il messaggio forte e chiaro e scelga un percorso diverso”, ha aggiunto, invitando “tutti i Paesi ad applicare vigorosamente queste nuove sanzioni e tutte le altre sanzioni esistenti”.Per il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, le sanzioni “inviano un messaggio chiaro a Pyongyang, che deve rispettare pienamente i suoi obblighi internazionali”. Il leader del Palazzo di Vetro invita il regime a “rispettare le decisioni del Cds consentendo uno spazio per la ripresa del dialogo”, e riafferma il suo impegno a lavorare con tutte le parti per ridurre le tensioni e rafforzare i canali di comunicazione.

Sorgente: Seul vuole uccidere Kim: ecco la “Decapitation Unit”. Pyongyang minaccia gli Usa: “Vi faremo soffrire”