Mohammed ha 13 anni ed è un soldato dell’Isis, ora prigioniero di guerra dei curdi siriani. “Perché sei in prigione?”, gli chiede Corrado Formigli, giornalista e conduttore di Piazza Pulita, che torna giovedì in onda in prima serata alla nona edizione. “Perché sono dell’Isis”, risponde. Non sa cosa sia il calcio, non conosce la Ferrari e da anni non guarda la televisione. Ha lasciato la scuola per arruolarsi con l’Isis ed oggi, dopo essere stato arrestato mentre difendeva un villaggio vicino Raqqa, trascorre 23 ore al giorno in una cella, con ragazzi come lui, ma anche con adulti. È uno dei tanti prigionieri dei curdi siriani.

Anche prima di essere fermato dai curdi, la vita di Mohammed era come quella di un prigioniero, anche se forse lui non lo sapeva. Nel reportage che andrà in onda domani sera su La7, il ragazzo racconta della sua vita quando era un miliziano dell’Isis: la scuola coranica, l’addestramento durissimo, i video che ha guardato per imparare come si uccide un uomo.

Mohammed ha gli occhi di un bambino che vuole rivedere la sua famiglia – non vede i suoi genitori da quando è stato arrestato e non sa dove siano – eppure è in una cella terrorista.

“Un bambino viene presentato come un carnefice, invece è una vittima”, spiega Corrado Formigli, che è stato sul fronte di Raqqa. “C’è un imbarbarimento in città, uno sbandamento – continua – i diritti dei minori sono dimenticati, così come quelli delle donne. Nel corso di questo reportage ho incontrato tanti bambini, anche più piccoli di Mohammed e tante donne. Molte di loro sono mogli dei miliziani dell’Isis ed ora sono chiuse in campi da cui non possono uscire. La questione che si pone è quella del rispetto dei diritti umani”.

Raqqa è una città in macerie, dove non riescono a contarsi i morti: “Quello che ci siamo chiesti, nel corso del reportage – spiega Formigli – è quante persone siano morte in questa guerra. Non ci sono cifre ufficiali, ma tra i morti ci sono tantissimi civili”.

E sulla lotta all’Isis, il conduttore di Piazza Pulita dice: “Raqqa sarà riconquistata nel giro di poche settimane, ma resta la questione del terrorismo in Europa”. Su quello il nodo non si scioglierà a breve, anche perchè, spiega il giornalista, la sconfitta dello Stato islamico potrebbe far tornare nei loro paesi d’origine molti foreign fighters.

Sorgente: “Ho 13 anni e sono dell’Isis: così ho imparato come si uccide un uomo”. Formigli lancia la 9° edizione di PiazzaPulita con un’intervista a un baby-soldato