I francesi condividono la vetta del gruppo K con la Lazio mentre i russi dilagano in Macedonia. In Vitoria Guimaraes-Salisburgo c’è un fuoriprogramma.

Zulte Waregem-Nizza 1-5 (46′ Leya Iseka; 16′, 20′ Plea, 28′ Dante, 69′ Saint-Maximin, 74′ Balotelli)

Il Nizza ha vita facile in Belgio nonostante un brutto quarto d’ora. Un tiro deviato apre le marcature e Plea ci prende gusto siglando la sua doppietta dal cuore dell’area. Il brasiliano Dante sotto porta cala il tris mentre Leya Iseka risveglia i padroni di casa a porta vuota perché gran parte del merito è del numero 99 Olayinka. Balotelli si fa parare un gol fatto da Leali, De Pauw si divora incredibilmente il 2-3. Per non correre rischi Saint-Maximin chiude la sfida con un diagonale in contropiede e SuperMario si fa perdonare con il pokerissimo. I rossoneri non segnavano 5 gol in Europa da oltre 57 anni (5-1 contro il Fenerbahçe il 23 dicembre 1959).

Vardar-Zenit San Pietroburgo 0-5 (6′, 21′, Kokorin, 39′ Dzyuba, 66′ Ivanovic, 90′ Rigoni)

Lo Zenit dilaga in Macedonia. Kokorin (doppietta) e Dzyuba fanno a fette la difesa del Vardar e, in spaccata, c’è gloria anche per l’ex Chelsea Ivanovic. L’argentino Emiliano Rigoni entra e di sinistro fissa lo 0-5 finale per gli uomini di Mancini.

Alexis Sanchez of Arsenal celebrates scoring the 2nd arsenal goal during the UEFA Europa League group H match between Arsenal FC and 1. FC Koeln at Emirates Stadium on September 14, 2017 in London, United Kingdom.

Alexis Sanchez of Arsenal celebrates scoring the 2nd arsenal goal during the UEFA Europa League group H match between Arsenal FC and 1. FC Koeln at Emirates Stadium on September 14, 2017 in London, United Kingdom.Getty Images

Arsenal-Colonia 3-1 (49′ Kolasinac, 67′ Sanchez, 82′ Bellerin; 9′ Cordoba)

Nella partita iniziata con un’ora di ritardo a causa dei disordini creati dai tifosi del Colonia senza biglietto, Jhon Cordoba segna 9130 giorni dopo l’ultimo gol dei tedeschi in Europa (autore Frank Ordenewitz): l’uscita di Ospina è a dir poco avventurosa e la parabola dalla lunga distanza è dolcissima. Nella ripresa, i Gunners, però, reagiscono: il sinistro al volo di Kolasinac, appena entrato, dona tranquillità agli inglesi mentre il destro a giro dal limite di Sanchez è una vera perla. Bellerin (5 reti su 5 in casa nell’Arsenal) manda tutti a dormire per il 3-1 finale.

Real Sociedad-Rosenborg 4-0 (9’, 77’ Llorente, 10’ Zurutuza, 41’ aut. Skjelvik)

Il mattatore del match per i baschi è Diego Llorente, autore prima di un tap-in e poi di un’incornata ad aprire e chiudere i conti. Nel mezzo c’è spazio per il colpo di testa vincente di Zurutuza e per la zampata di Skjelvik che anticipa tutti, ma sbaglia porta.

Vitoria Guimaraes-Salisburgo 1-1 (25’ Henrique; 45’ Berisha)

A margine di questa gara c’è il pareggio determinato dalla rete di Henrique di testa e dal guizzo di Berisha. Segnaliamo questo incontro per un fuoriprogramma che al 35’ scatena l’ilarità all’Estádio Dom Afonso Henrique. Mentre la squadra avversaria sta abbozzando un attacco, ecco partire gli idranti nella metà campo difensiva dei portoghesi. Sguardi sorpresi e gioco fermo per un’ottima strategia difensiva… Il Vitoria Guimaraes è la prima squadra nella storia delle Coppe europee a schierare un 11 titolare senza giocatori europei (9 sudamericani e 2 africani).

Sorgente: Balotelli partecipa alla festa del Nizza, lo Zenit di Mancini passeggia – Europa League 2017-2018 – Calcio – Eurosport

Leave a Reply

Your email address will not be published.