Mara show,Passano gli anni, si susseguono le edizioni, cambiano i giudici, ma X-Factor rimane una certezza assoluta per il suo pubblico. Del resto, giunto alla sua undicesima annata, la settima targata Sky, il programma è oramai collaudato, soprattutto nella fase delle audizioni, la più movimentata e divertente, capace di garantire in egual misura concorrenti al limite, storie strappalacrime e sguardi sconsolati dei giudici. La prima puntata è andata prevedibilmente benissimo: ottimo l’esordio di Levante, graditissimo il ritorno della straripante Mara Maionchi.La prima volta di Levante – Il debutto televisivo della cantautrice siciliana non poteva andare meglio. Promossa a pieni voti, anche se scopriremo molto di più di lei ai live quando il montaggio del programma sarà meno preponderante. Nel frattempo non si può che avere un giudizio positivo: empatica, spigliata, in sintonia con gli altri giudici e i concorrenti che salgono sul palco. Levante sa emozionarsi con sincerità. Di questi tempi è cosa rara in televisione.Le birre di Fedez e Manuel Agnelli – I due giudici di X-Factor, pur arrivando da mondi lontanissimi, pur avendo concezioni della musica diametralmente opposti, sono diventati grandi amici. La stima reciproca era già emersa nella scorsa edizione del programma. In questa prima puntata confermano il loro feeling. Si cercano, si trovano. Hanno la complicità di chi sa godersi una birra insieme, come ha confermato Fedez in un passaggio delle audizioni. Sono loro la grande coppia di X-Factor.X-FACTOR/SKYMara, do you speak english? – Mika, Skin e Alvaro Soler hanno internazionalizzato X-Factor con una conseguenza evidente a tutti: i concorrenti si presentano alle audizioni cantando spesso e volentieri in inglese. Mara Maionchi, con la genuinità che la contraddistingue, ha protestato veementemente contro l’esterofilia dilagante nel programma. Una crociata, già iniziata lo scorso anno nei Mara Dixit, che ha avuto il suo culmine nello sfogo della giudice più verace del programma contro i Noiserz, gruppo napoletano che ha scelto la lingua della regina Elisabetta per presentare un inedito. Un momento patriottico da vedere e rivedere.Le audizioni fanno rima con emozioni – Serata molto interessante per le storie di molti ragazzi che si sono presentati sul palco. In particolar modo emozionano i percorsi di Samuel Storm, un ragazzo nigeriano che ha affrontato un lungo e tormentato viaggio di nove mesi per arrivare in Italia, e Andrea, un giovanissimo rapper che racconta intensamente la sua difficile situazione familiare. Applausi più che meritati inoltre per Camille, una ragazza di origini filippine che incanta giuria e pubblico con un mirabile inedito al pianoforte, e Noemi, che conquista la conterranea Levante sulle note dei Coldplay.X FACTOR/SKYMamma Giusy Ferreri torna a X-Factor – Sono passati quasi dieci anni dalla prima edizione di X-Factor. In quell’occasione – era il 2008, il programma andava in onda su Rai2 – si imposero gli Aram Quartet, seguiti da Giusy Ferreri che si piazzò in seconda posizione. Poco male per la cantante siciliana che in poco tempo riuscì a imporsi all’attenzione del pubblico con un singolo fortunatissimo, Non ti scordar mai di me, scritto da Tiziano Ferro. Dopo dieci edizioni che hanno rivoluzionato il concetto stesso di talent show, la Ferreri è tornata sul palco che l’ha lanciata per mostrare il pancione. Proprio in questi giorni è nata Beatrice, la sua prima figlia.Tanto materiale per lo StraFactor – Durante la prima puntata di queste audizioni Elio avrà sicuramente segnato qualche nome sulla sua agendina. C’è da formare il cast del divertentissimo e sempre spiazzante spin-off di X-Factor, al via il 5 ottobre sempre su Sky Uno. I concorrenti che suggeriamo per lo StraFactor sono almeno tre: Nizil Jimenez che, con spropositata allegria, mette subito nel mirino Fedez sulle note di Luigi Tenco; Andrea Verì che, a bordo del suo trattore, usa rime poco convenzionali per dichiarare il suo amore per una non troppo idealizzata Eleonora; il ruspante Angelo Oliva che ingaggia un duello a distanza con Samuel Agnelli, colpevole di aver sottolineato tutte le sue stonature.

Sorgente: Mara show, Levante piange più di Fedez. E Manuel ironizza: “Che allegria!”