Se ieri qualcuno avesse detto di scommettere su una vittoria di Hamilton dopo la stratosferica pole position di Vettel, si sarebbe preso del matto. Ma tant’è Ferrari e Red Bull hanno letteralmente messo su un vassoio d’argento la chance di mondiale al pilota inglese.La carambola innescatasi nei primi metri dopo il via potrebbe mettere in seria discussione il mondiale di Sebastian, soprattutto in una pista dove la Ferrari puntava a fare il bottino massimo ed invece torna a casa con zero punti. Riguardando i vari replay non sarebbe giusto attribuire tutta la responsabilità a Verstappen.Vettel non fa un’ottima partenza e cerca di chiudere la porta all’olandese, mentre Raikkonen sfruttando il miglior spunto della stagione lo affianca sul lato interno: risultato la Redbull urta la posteriore destra della rossa del finlandese che a sua volta sperona il compagno di squadra ponendo fine alla gara di entrambi. Vittima della carambola anche il povero Alonso che si era riuscito ad issare addirittura in terza posizione, con una Mclaren in grande spolvero.Una cosa è certa conti alla mano Verstappen tra ritiri per problemi tecnici e incidenti vari ha portato a casa solo sessantotto punti contro più del doppio del compagno di squadra.Le sue dichiarazioni a fine gara lasciano veramente allibiti e si possono così riassumere: ” Non è mia la colpa! Io sono stato una vittima nel sandwich Ferrari. Vettel si è giocato il campionato perché poteva farmi passare, al massimo avrebbe perso qualche posizione. Per fortuna non sono stato il solo ad uscire!”Semplicemente incommentabile! Parole irrispettose nei confronti di tutte le persone che stanno mettendo anima e sangue in questo progetto e che lavorano senza sosta per riportare la Ferrari sul gradino più alto. La gara è stata comunque avvincente soprattutto nelle retrovie con continui sorpassi e controsorpassi.Hamilton una volta davanti ha fatto il suo, semplicemente impeccabile, imponendo un ritmo sul bagnato e poi sull’asciutto che la Redbull, così in palla sia il venerdì che il sabato in qualifica, non ha saputo replicare la domenica.”Quello che posso dire è che la squadra tutta non molla e combatteremo fino all’ultima curva! Lavoreremo tutti per non deludere i nostri tifosi. Non sarà facile, ma combatteremo ve lo prometto!” questa la dichiarazione di un commosso Arrivabene, che con la voce rotta dall’emozione ha voluto ripetere come un mantra quello che la Rossa è chiamata a fare da qui alla fine del campionato, senza appello.

Sorgente: Carambola mondiale