Prendendo in esame le ultime 100 partite allenate nei magigori campionati europei, sono gli allenatori italiani ad aver collezionato più punti di tutti gli altri colleghi. Indietro Mourinho e Klopp, quarto Guardiola.

The italian job. Stilando una classifica basata sulle ultime cento partite allenate dai top-manager nei cinque principali campionati, emerge un dato molto interessante. I migliori allenatori, in termini di punti conquistati nel campione analizzato, sono italiani. In testa c’è Antonio Conte, che nelle ultime quattro stagioni in cui ha allenato (eccezion fatta per il biennio in nazionale) ha sempre vinto il campionato a cui ha preso parte. È accaduto nei tre anni alla Juventus, si è ripetuto al primo colpo con il Chelsea.

Conte record

Nelle ultime cento partite Conte ha vinto 79 partite, ne ha pareggiate 10 e ne ha perse 11. Il totale fa 247 punti conquistati, una media di 2,47 a partita. Nessuno ha saputo fare meglio di lui: di queste ultime cento partite prese in esame (si parla solo di campionato), tra chi occupa attualmente le maggiori panchine europee, Conte ne ha allenate 43 al Chelsea e le restanti 57 alla Juventus. 33 vittorie, 4 pareggi e 6 sconfitte sulla panchina dei londinesi (103 punti totali, 2,39 di media a partita), 46 vittorie, 7 pareggi e 4 sconfitte nelle ultime 57 partite alla guida dei bianconeri (145 punti totali in 57 partite, 2,54 a partita).

Massimiliano Allegri - Barcellona-Juventus 2017

Massimiliano Allegri – Barcellona-Juventus 2017Getty Images

Dalla Juventus alla Juventus, perché alle sue spalle c’è Massimiliano Allegri, che le ultime cento partite le ha allenate tutte sulla panchina della Juventus. Il livornese è alla sua quarta annata a Torino, ha vinto tre campionati consecutivi raccogliendo l’eredità di Antonio Conte. 238 punti, 75 vittorie, 13 pareggi e 12 sconfitte.

Podio tutto italiano, perché al terzo posto si piazza nientemeno che Carletto Ancelotti: l’attuale allenatore del Bayern Monaco è alla seconda stagione in Baviera, dove in Bundesliga ha allenato in 38 partite, vincendo 28, 7 pareggi e 3 sconfitte. Prima dell’esperienza in Germania, tocca risalire alle battute finali dell’esperienza al Real Madrid: nel 2014/2015 38 partite, 30 vittorie, 2 pareggi e 6 sconfitte, con 92 punti finali, nel 2013/2014 16 vittorie, 5 pareggi e 3 sconfitte (ultime 24 partite della stagione per portare a 100 il conteggio complessivo). Riassumendo, Ancelotti ha raccimolato 236 punti nelle ultime cento partite, appena due in meno di Massimiliano Allegri.

Mourinho lontano in classifica

Appena ai piedi del podio Pep Guardiola, che tra Manchester City e Bayern Monaco ha messo insieme 231 punti frutto di 71 vittorie, 154 pareggi e 12 sconfitte. Dietro di lui Diego Simeone, con l’Atletico Madrid: il Cholo chiude la Top 5 ed ha totalizzato 214 punti, grazie a 64 vittorie, 22 pareggi e 14 sconfitte. A seguire Arsene Wenger e Mauricio Pochettino, che precede Jose Mourinho: il portoghese, tra Chelsea e Manchester United, ha vissuto un cammino un po’ zoppicante. 188 puntifrutto di 53 vittorie, 29 pareggi e 18 sconfitte, sicuramente al di sotto dei suoi standard.

Sorgente: I mister italiani dettano legge: Conte, Allegri ed Ancelotti i migliori nelle ultime 100 partite – Calcio – Eurosport

Leave a Reply

Your email address will not be published.