I felsinei giocano una grande partita e impongono ai nerazzurri il primo pareggio stagionale: decidono i due numeri 9, al 32’ del primo e del secondo tempo.

Se contro il Crotone c’erano le attenuanti del campo, del caldo e soprattutto un risultato a cancellare una prestazione non esaltante, a Bologna l’Inter conferma delle difficoltà sul piano del gioco e del ritmo e viene a tratti sovrastata dalla squadra di Donadoni. I felsinei ripetono la gara fatta con il Napoli, impongono il loro pressing e creano molte occasioni: Verdi, in serata di grazia, sblocca la partita ma sia lui che i compagni non riescono a sferrare il colpo del ko. I nerazzurri crescono nella ripresa e trovano su rigore il gol del pareggio: Icardi conferma una statistica che vede gli uomini di Spalletti colpire molto spesso nei minuti finali. Finisce 1-1 al Dall’Ara e gli applausi sono per i padroni di casa.

La cronaca della partita

In avvio il buon guizzo di Candreva può favorire Joao Mario che, però, non trova il pallone. Il Bologna diventa padrone del campo: Di Francesco non inquadra lo specchio, poi Verdi (innescato da Donsah) tira una sassata respinta da Handanovic e Pulgar calcia a lato. Verdi conclude alto prima di sfiorare il palo in campo aperto, su suggerimento di Petkovic. Il sinistro a giro di Perisic termina sul fondo mentre Verdi è indemoniato: su punizione non supera Handanovic, ma al 32′ sì grazie a una progressione e a un sinistro super da fuori area che s’infila nell’angolino. Icardi non arriva per un soffio sul pallone su cross di Perisic.

Mauro Icardi (Inter)

Mauro Icardi (Inter)Getty Images

Nella ripresa, Miranda stacca di testa su corner calciato da Candreva: Mirante si oppone. Una gran botta dalla distanza di Donsah finisce sopra la traversa. Mbaye scivola e tocca Eder in area: la VAR conferma la decisione di Di Bello e Icardi trasforma dal dischetto al 77′. Nel finale il solito Verdi è pericoloso con un tiro-cross.

La statistica chiave

7 – 7 degli 11 gol dell’Inter in questo campionato sono arrivati nel quarto d’ora finale di partita. Rincorsa.

Il migliore in campo

Simone Verdi: imprendibile. Nel primo tempo tira sette volte e al sesto tentativo trova un gol d’autore. Personalità, progressione, dribbling, tiro, sacrificio: la sua prestazione è da leader. Non è una novità. Serata di grazia per l’ex Primavera del Milan.

Il peggiore in campo

Joao Mario: perde una quantità incalcolabile di palloni, non ne azzecca una e a tratti diventa un uomo in più per il Bologna. Frastornato, Spalletti lo boccia dopo l’intervallo.

La dichiarazione

Eder: “Queste partite si devono vincere, ma ci teniamo stretti questo punto. Dobbiamo migliorare se vogliamo raggiungere la Champions. In estate ho ricevuto delle richieste, ma hanno voluto che rimanessi qua”.

Il tabellino

Bologna (4-3-3): Mirante; Mbaye, Helander, Gonzalez, Masina; Poli (72’ Taider), Pulgar, Donsah; Verdi, Petkovic (88’ Okwonkwo), Di Francesco (74’ Palacio). All. Donadoni

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Skriniar, NagatomoBorja Valero (86’ Gagliardini), Vecino; Candreva (82’ Brozovic), Joao Mario (50’ Eder), Perisic; Icardi. All. Spalletti

Arbitro: Marco Di Bello della Sezione di Brindisi (Var: Mariani)

Gol: 32′ Verdi (B), 77′ rig. Icardi (I)

Note: ammoniti Poli, D’Ambrosio, Donsah, Mirante, Petkovic, Eder, Nagatomo

Sorgente: Il Bologna ferma la marcia dell’Inter: Verdi illude, Icardi fa 1-1 su rigore – Serie A 2017-2018 – Calcio – Eurosport