Li separano dalle madri prima che siano pronti a staccarsi da loro, creano documenti falsi e, anche se sono sofferenti o malati, li trasportano illegalmente in Italia. Il prezzo di partenza è 50 euro ma, se di razza, sono rivenduti ad una cifra fino a 20 volte maggiore. Sono 8.000 – spiega la Repubblica – i cuccioli di cane che ogni settimana vengono messi clandestinamente in viaggio per l’Italia. Partono dai paesi dell’Est, nascosti e ammassati in mezzi di fortuna. Spesso molti di loro muoiono nel viaggio.”L’altissima mortalità di esemplari malnutriti e sfiancati, troppo giovani per lasciare le madri, è già in conto – spiega Antonio Colonna, esperto di zoocriminalità che ha partecipato a oltre cento sequestri. Di recente, per non mettere a rischio carichi sostanziosi, si tende a organizzare spedizioni ridotte, frequenti e spregiudicate. Vedi i 12 cagnolini costretti sotto il sedile di un carro attrezzi scoperti a luglio vicino Riccione”.Un giro d’affari di dimensioni enormi. Tra il 2015 e il 2016 ci sono stati 964 sequestri in tutta Italia, per un valore di 674.800. Nel marzo scorso, solo a Napoli, è stato scoperto che un imprenditore, Biagio Orefice, aveva importato in cinque anni 37.000 cuccioli, di varie specie. Un altro sequestro, racconta il capitano della Guardia di Finanza Andrea Gobbi, è avvenuto a Udine.”Sequestrammo un totale di 800 cagnolini con microchip stranieri che portarono a una condanna dello stesso Orefice. Si stimò che, fra ricavo sul singolo animale e fatture false, in due anni e mezzo avesse guadagnato fra i tre e i cinque milioni”.Sono tante le razze che vengono importate, ma a prevalere è la piccola taglia: chihuahua, maltesi, bulldog francesi.Il business illegale pare sia agevolato da un decreto ministeriale del 1994 che consente l’esistenza di imprese non registrate, a patto che producano non più di 30 cuccioli all’anno. Un sistema, però, che è facile da aggirare, e a pagarne le spese sono i cuccioli, maltrattati e venduti in totale clandestinità.

Sorgente: Mercato nero dei cuccioli: ogni settimana in Italia ne muoiono 4000

Leave a Reply

Your email address will not be published.