Due gol del bosniaco e due autoreti dei padroni di casa portano alla Roma di Di Francesco 3 punti semplici-semplici. Benevento che ultimo a 0 punti è smascherato oggi in tutti i suoi limiti (e soprattutto quelli che sono della Serie A a 20 squadre); Roma che invece ne approfitta per accorciare un po’ sull’Inter.

Uno spot per la Serie A. O meglio: uno spot per la Serie A a 18 squadre (massimo!). E’ sostanzialmente questo il verdetto di Benevento-Roma, che vede la squadra di Eusebio Di Francesco passare per 4-0. Poco altro c’è da raccontare di una sfida impari e di un tasso tecnico e tattico di oceaniche dimensioni. Sempre in controllo, i giallorossi – oggi in versione cromatica bianca – hanno dominato in lungo e in largo, evidenziando i limiti sempre più ampi di squadre che già nella passate stagione avevamo visto c’entrare ben poco con quello che è (o meglio, quello che vorrebbe essere) il livello della Serie A. Roma dunque che accorcia un po’ sull’Inter e prova a rifarsi sotto alle zone nobili, Benevento che ultimo a zero punti avrà bisogno di qualcosa molto simile ad un miracolo per rimanere in una categoria a cui oggi ha dimostrato di non appartenere.

La cronaca

Il tentativo di difesa del Benevento dura circa 20 minuti, poi la Roma trova il primo gol e la cronaca di questa partita diventa un monologo a senso unico. Il Benevento infatti non parte male e al 18’ avrebbe addirittura la chance di andare avanti grazie a un contropiede 3 contro 2 dopo palla persa da Bruno Peres: Coda però attende troppo e serve male proprio quel Cataldi che aveva rubato palla al brasiliano, obbligando il centrocampista del Benevento al difficile destro a giro. Lì inizia e finisce, appunto, la partita della squadra di Baroni che subisce poi l’impietosa lezione. La Roma infatti sfonda soprattutto sulle fasce, dove Kolarov e Peres fanno il bello e il cattivo tempo. Da sinistra e dal serbo arriva l’assist per l’uno a zero di Dzeko al 22’; da destra e dal brasiliano quella che costringe un disperato Lucioni a mettere dentro in scivolata nella propria porta.

Dzeko terminare offensivo di un’area di rigore che la Roma continua a cercare dopo il lavoro sugli esterni, con il bosniaco che colpisce anche un palo. Va poco male però al bomber della Roma che a inizio ripresa approfitta della dormita di Memushaj per mettere dentro col sinistro dal limite il gol del 3-0. Poi, di nuovo, il poker, è firmato col solito schema: Kolarov che scappa a sinistra, palla dentro per Dzeko e questa volta in tentativo di salvatggio disperato è di Venuti per l’autorete del definitivo 0 a 4. Insomma, una specie di monologo giallorosso a cui in Benevento non ha il tasso tecnico per opporsi. Nel finale Dzeko sfiora la tripletta colpendo il secondo legno. Nella boxe sarebbe stato ko tecnico già dopo il primo tempo. Ma come detto questa è la Serie A a 20 squadre…

La statistica

Il Benevento ha fatto in 5 giornate più autoreti (2) che reti (1)

Il migliore

Dzeko. Due gol, due legni e ormai la certezza: contro le piccole è un cecchino infallibile. Vediamo se in questa stagione riuscirà a fare il passettino in più anche quando un po’ di più conta. Nel frattempo con il Benevento, Edin Dzeko ha segnato almeno un gol a 22 delle 23 squadre finora affrontate in Serie A.

Il peggiore

Memushaj. Ci sarebbe l’imarazzo della scelta, ma alla fine Memushaj non è mai riuscito ad aiutare sul lavoro di Kolarov ed è protagonista negativo sia nel primo gol – dove si fa scappare il serbo – che nel terzo, dove si addormenta clamorosamente sulla rimessa laterale.

Il tabellino

Benevento (4-4-2): Belec; Letizia, Venuti, Lucioni, Di Chiara; Memushaj, Cibsah, Cataldi, Lazaar (64’ Parigini); Coda (76’ Armenteros), Puscas.

Roma (4-3-3): Allison; Bruno Peres, Fazio, Juan Jesus, Kolarov; Strootman, GonalonsPellegrini (68’ Gerson); Ünder (46’ El Shaarawy), Dzeko, Perotti (76’ Florenzi).

Gol: 22’ e 52’ Dzeko, 35’ aut. Lucioni, 74’ aut. Venuti.

Note – Ammoniti: Di Chiara, Parigini.

Sorgente: La Roma umilia un Benevento di “altra” categoria: è 0-4, doppietta di Dzeko – Serie A 2017-2018 – Calcio – Eurosport