Con il trionfo di Aragon, Franco Morbidelli si avvicina sempre più al titolo mondiale in Moto2. E’ l’ottavo successo stagionale per il pilota italo-brasiliano, il gioiellino dell’Academy di Valentino Rossi ha stupito tutti in questa stagione. Ma andiamo a scoprire chi è veramente il Morbido, dagli esordi sino a questo stupendo 2017.

Conoscete Recife? E’ una città situata in Brasile di circa un milione e mezzo di abitanti. In Italia è diventata famosa per la sconfitta nei mondiali di calcio 2014 della nostra Nazionale contro il Costa Rica. Si trova sul mare ed è la citta natale di Cristina, mamma di Franco Morbidelli, l’attuale leader mondiale della Moto2.

L’italo-brasiliano allevato dall’Academy di Rossi

La storia del Morbido è alquanto complessa, sicuramente diversa rispetto a molti altri piloti nostrani. Mamma brasiliana, padre Livio ex motociclista, possiede il doppio passaporto italo-brasiliano, ha vissuto diversi mesi a Recife e conosce benissimo l’inglese e il portoghese. E’ nato a Roma, ma qualche anno dopo il padre ha chiuso la sua officina e ha trasferito lui e la sua famiglia proprio a Tavullia, in modo da fare allenare il figlio insieme a Graziano e a Valentino Rossi. Una scommessa, soprattutto perché i soldi in tasca non erano tanti per correre, ma alla fine è stata la scelta giusta. Franco debutta nelle superstock 600 nel 2011, per poi vincere il campionato europeo due anni dopo. In quel tempo nasce la VR46 Academy di Valentino Rossi, che decide di dargli fiducia e prenderlo sotto la sua ala protettiva. Poi arriva il debutto in Moto2 come Wild Card e dal 2014 come pilota a tempo pieno. Intanto, proprio nel 2013, Livio Morbidelli decide di impiccarsi. La morte del padre fortifica il carattere del figlio, che a 19 anni non si perde d’animo e continua a migliorare, fino a vincere.

Franco Morbidelli, Valentino Rossi, MotoGP, LaPresse

Franco Morbidelli, Valentino Rossi, MotoGP, LaPresseLaPresse

Il fantastico 2017

Il resto è storia: i risultati all’inizio tardano ad arrivare, ma insieme al team Marc VDS Franco trova la quadra, diventando uno dei migliori piloti della categoria. Sono ben 8 i podi nella passata stagione, con una fantastica seconda parte. Poi il trionfo di quest’anno, con 8 successi su 14 gare. E pensare che prima di questa stagione Morbidelli non aveva mai vinto, era sempre crollato sul più bello, anche se le buone prestazioni non erano mai mancate. Ora è leader del mondiale, con ben 21 punti di vantaggio sul secondo. Inoltre c’è la firma per il passaggio in MotoGP per il 2018, assolutamente meritata.

Il miglior italiano di sempre nella classe di mezzo?

Non era mai successo che un pilota portasse a casa le prime tre gare in Moto2, lui ci è riuscito, vincendo il trittico Qatar-Argentina-Austin. Anche per quanto riguarda i piloti di casa nostra il Morbido può eguagliare e battere un record, addirittura togliendolo a Valentino Rossi: solo Biaggi nel 1996, il Dottore nel 1999 e Melandri nel 2002 hanno vinto più gare di Franco nella classe di mezzo in una stagione, nove. Franco è a otto con quattro gare ancora da correre. Vedremo se riuscirà a diventare il migliore italiano di sempre nella classe 250/Moto2.

PILOTA VITTORIE ANNO
Max Biaggi 9 1996
Valentino Rossi 9 1999
Marco Melandri 9 2002
Franco Morbidelli 8 2017
Max Biaggi 8 1995
Luca Cadalora 8 1991
Luca Cadalora 7 1992
Marco SImoncelli 6 2008
Francesco VIlla 6 1976

Il mondiale, finalmente, può tornare in Italia

Solo Mir in Moto3 ha vinto tante gare quante Morbidelli in stagione, in MotoGP Marquez ne ha ottenute tre in meno. Un vero successo per Franco, che può far tornare un mondiale in Italia dopo tanto tempo. L’ultimo titolo è datato 2009 con Valentino Rossi, ben 8 anni sono passati, troppi. Certo, anche il Dovi è assolutamente in lotta per il campionato, ma le possibilità in mano al Morbido sono molto più alte. E poi è una delle poche note liete di questo 2017 abbastanza deludente per la VR46 Academy: se l’altro rappresentante in Moto2 Pecco Bagnaia, al debutto, ha ottenuto tre podi ed è il favorito per vincere il titolo di rookie of the year, in Moto3 invece è quasi un totale fallimento, con l’unico exploit di Migno al Mugello. Bastano quattro secondi posti per portarsi a casa il titolo. La vittoria è sempre più vicina.

Sorgente: Franco Morbidelli: il gioiellino dell’Academy di Rossi sempre più vicino al titolo mondiale Moto2 – MotoGP – Eurosport