Anna Magnani (7 marzo 1908-26 settembre 1973) attrice immensa e ancora amatissima. Su di lei tanti libri – le biografie di Matteo Persica, Matilde Hockhofler, Nannarella di Giancarlo Governi, per citarne solo alcune – e mostre, come quella al Vittoriano di Roma, curata da Mario Sesti, intitolata Anna Magnani al cinema e a casa sua (fino al 22 ottobre 2017)

Perché dopo tanti anni si parla ancora di Anna Magnani? Perché – per dirla con le parole di Governi – è stata l’attrice simbolo del cinema italiano del dopoguerra, il cinema della ricostruzione e del riscatto, e una delle più grandi attrici di tutti i tempi, capace di comicità sfrenata e di profonda drammaticità. Di lei gli italiani, da oltre 70 anni, hanno negli occhi e nel cuore quella corsa disperata dietro il camion tedesco che metteva la parola fine ad uno dei suoi più grande personaggio, ma anche la sua risata larga, inconfondibile, canzonatoria o gioiosa: la risata di Nannarella. Anna con i suoi amori (il marito, Goffredo Alessandrini, Massimo Serato, Roberto Rossellini, Anthony Franciosa, Marlon Brando, il figlio Luca Magnani, l’amicizia con Tennessee Williams) esclusivi, travolgenti, i suoi dolori, le sue gioie sfrenate, le sue improvvise voglie di giocare e il suo drammatico disincanto.

Ecco 8 frasi di Anna Magnani (selezionate dalla mostra al Vittoriano) che la raccontano e dalle quali emerge la sua personalità.

“Non è che mi faccia piacere fare sempre la popolana, non sono un’attrice presa dalla strada. E non è che mi piaccia fare solo personaggi tragici. Come si può essere sempre e solo tragici? Ci sarebbe da impazzire. Per natura invece sono allegra e qualche volta persino matta. Ogni tanto fa bene essere matti no?”

“Io non so costruire una parte, non so stabilire un personaggio. Se il personaggio è autentico e mi commuove, voglio dire se lo sento come me stessa, allora sono capace di interpretarlo nel modo migliore”

“Non ho fatto mai il minimo sforzo per sembra un’altra. Le bestie vivono secondo natura e non sbagliano quasi mai. Ho trasportato questa teoria nel campo degli uomini.Anche questa è la verità, non ho mai avuto ambizio ni di nessun genere, non sono mai stata invidiosa nè del successo nè delle ricchezze altrui. Ho semrpe camminato nella vita per sentire in me la gioia di una continua metamorfosi, di un continuo studio di quello che era il mio lavoro e, oserei dire, di un continuo perfezionamento della donna che era in me. Ma la donna, quella che nessuno, dico nessuno, conosce non è mai cambiata, mai! Piena di difetti, tanti, ma piana di timori, piena di smarrimenti, gli stessi che ho oggi dopo una dura, durissima vita, li avevo a dieci anni. E questo trauma è la cosa che amo più di me”

“Senza di me quaggiù si ferma tutto in casa mia. Purtroppo sono io il solo ‘uomo’ di casa”

“Un giorno Giuseppe Ungaretti è venuto al mio tavolo, al ristorante, per rendere omaggio disse ‘all’attrice più grande di tutti i tempi’. ‘Se lo dice Ungaretti che è il più grande poeta di tutti i tempi deve essere vero’ gli risposi ridendo. Ma la verità è che io non mi considero un’attrice, se piglio fuoco brucio bene, se no non c’è niente da fare”

“Lo so, sono la donna più discontinua del mondo. Tutto cambia dentro di me da un’ora all’altra. Il fatto èche seguo sempre il mio istinto e il mio cuore. Non mi curo mai di quello che sembro, dicome gli altri mi vedono. Sono così’, come la mia vita, le mie speranze, le mie delusioni, le mie gioie e la mia infelicità mi hanno fatta. Nella vita però tutto mi emoziona, tutto mi commuove, mi fa tenerezza e mi spinge alla generosità. Ma nel lavoro, lo riconosco, cono una peste. Qualche volta posso anche diventare  cinica, cattiva, spietata. Non ammetto che si bari, che si truffi. Io, il mio mestiere l’ho sudato e sofferto. Ho impiegato molto tempo, e ho fativato per diventare la Magnani. Ora sudo e fatico per continuare a esserlo.” 

“Sono contenta di stare qui in casa mia da sola per giorni, quando sono da sola, non mi annoio mai. Ma anche quando io non sono sola non mi annoio mai. Ma anche quando io non sono fisicamente, posso essere sola spiritualmente, è facile per me essere sola anche in mezzo a una folla. Poi a livello spirituale, sono stata da sola tutta la vita”

“Un giorno mi metterò tutte le medaglie ricevute nel mio paese, me le appunterò sul petto e me ne andrò in giro per Roma come un vecchio generale”

Un giorno mi metterò tutte le medaglie ricevute nelmio paese, me le appunterò sul petto e me ne andrò in giro per Roma come un vecchio generale

Sorgente: Anna Magnani si racconta, le sue frasi e i suoi ritratti per conoscerla – Persone – People – Lifestyle