Quando si viaggia in aereo è abitudine di molti addormentarsi quanto più tempo possibile. Spesso si arriva già affaticati dal viaggio fino in aeroporto, magari ci si è svegliati molto presto e quando si prende posto sul proprio sedile, ecco che finalmente si possono riposare le stanche membra. Ma fate attenzione perché dormire durante le fasi di decollo e atterraggio potrebbe essere molto pericoloso!Secondo una ricerca di Medline Plus infatti, se si dorme in queste fasi del volo si rischiano dei problemi, anche seri, alle orecchie.Il problema riguarda le trombe di Eustachio, condotti che collegano le orecchie alle narici: quando siamo svegli queste possono adattarsi al cambiamento di pressione e svolgere regolarmente il loro lavoro. Se invece non siamo vigili il nostro organismo non riesce a regolare autonomamente la pressione dell’aria nelle orecchie e il rischio è che queste vengano occluse. “Un cambiamento repentino dell’altitudine intacca la pressione dell’aria nelle orecchie. Ciò può causare un vuoto nelle trombe di Eustachio e darci la sensazione di orecchie tappate e di sentirci poco” ha affermato Angela Chalmers, farmacista. Nei casi più fastidiosi inoltre è possibile arrivare a stati confusionali, infezioni alle orecchie e piccoli danni al timpano. Se invece si è particolarmente sensibili, si può verificare anche la perdita di sangue dal naso. “Provate a non dormire durante il decollo e nelle fasi di atterraggio dell’aereo perché sono proprio questi i momenti in cui le orecchie sono più sensibili” conclude l’esperta.La pressione può comunque causare l’occlusione delle orecchie anche quando siamo svegli: per tentare di evitare questa spiacevole situazione meglio masticare un chewing gum, bere dell’acqua, mangiare una caramella o sbadigliare di continuo. Altra tecnica fai da te molto efficace è quella di soffiarsi il naso.

Sorgente: Mai dormire durante il decollo e l’atterraggio, è dannoso per le orecchie – Radio 105