È stata umiliata e licenziata dall’azienda per la quale lavorava a causa del suo ciclo mestruale. Una modella di 27 anni, Rachel Rickert, stava lavorando per la Hyundai, all’interno di un auto show internazionale a New York, quando, dopo essere stata impegnata per tre ore ad accogliere ospiti, è dovuta correre alla toilette per cambiare l’assorbente. Ma non ha fatto in tempo, così ha chiesto ai suoi superiori una divisa pulita per tornare ad essere operativa. Di tutta risposta, è stata rispedita a casa.La mattina seguente ha ricevuto una chiamata dalla responsabile che l’avvisava del termine del loro rapporto di lavoro: “Mi ha chiamato dicendomi che la Hyundai non voleva più che li rappresentassi perché gli era giunta voce del mio problema con il ciclo mestruale”, ha raccontato. La giovane, al cinquantesimo show della sua carriera, si è detta scioccata della decisione.”Non sei un robot, devi usare il bagno specialmente quando hai il ciclo – ha commentato -. Invece hanno agito come se noi donne non fossimo umane. Non voglio essere umiliata e non voglio vergognarmi per il fatto di avere il ciclo”.La modella ora è decisa a denunciare l’azienda. “Le discriminazioni di ogni genere, in particolare di questo tipo, non devono essere tollerate”, ha spiegato il suo avvocato, Mark Shirian. Al momento la Hyundai ha commentato con toni pacati, dicendo che è solita prendere ogni lamentela molto seriamente e che cercherà di rispondere in modo appropriato. In ogni caso, ha assicurato che cercherà di far luce sulla questione.

Sorgente: “Licenziata perché avevo il ciclo”. La modella denuncia l’azienda