Prima giornata partita con un ritorno da applausi delle V nere per 3/4 di gara, poi Shields e Silins portano l’Aquila da -18 a +4. Nel finale è decisivo Behanan

TRENTO-VIRTUS BOLOGNA 78-74 (13-23, 38-45; 53-64) 
Inizia col botto il campionato della Dolomiti Energia Trentino che davanti al proprio pubblico ha battuto la matricola terribile Virtus Bologna. L’Aquila, pur priva della sua pointguard titolare Gutierrez, ha portato a casa i primi due punti stagionali al termine di una partita rocambolesca. Nel corso del terzo quarto i ragazzi di Buscaglia sono stati sotto anche di 18 lunghezze, prima di rimontare nell’ultima frazione. Con questa vittoria Trento riscatta la sconfitta subita da Milano nella semifinale di Supercoppa.
SUPER ARADORI — Le V nere, al ritorno in A dopo un anno di purgatorio, hanno mostrato già ottime cose grazie alla coppia Aradori-Gentile. Decisiva per i padroni di casa è stata la prova di Behanan, autore di 17 punti. Dall’altra non è bastata la grande prestazione di Aradori, che ha chiuso con 21 punti. Di ritorno al Pala Trento dopo 6 mesi, sembra partire decisa la Dolomiti Energia che con in regia capitan Forray si porta sul 5-1 col primo canestro del campionato che è segnato da Shields. Bologna non ci sta, Gentile è il più pimpante dei suoi e Aradori con tre canestri consecutivi sorpassa sul 5-11 costringendo Buscaglia al timeout. Al rientro in campo è Forray che prova a scuotere i suoi col canestro in entrata, ma Slaughter risponde subito. Behanan e Shields riportano Trento sotto di 2, ma Gentile e Umeh con la bomba provano a far scappare ancora la Virtus, che grazie al canestro di Lawson chiude il primo quarto con la doppia cifra di vantaggio (13-23). In apertura di secondo quarto Franke prova ad avere impatto dalla panchina segnando 4 punti consecutivi, ma l’Aquila continua a faticare nella propria metacampo e gli ospiti ne approfittano e provano la nuova fuga coi canestri di Lafayette e Lawson che costringono Buscaglia al timeout.
RIMONTONA — Al rientro sul parquet si sblocca Silins, a cui risponde Aradori con un canestro di gran classe. Behanan prova a farsi valere sotto canestro, Trento alza l’intensità difensiva e l’appoggio facile di Shields vale il nuovo -6. Al rientro in campo Aradori ricomincia il proprio dominio, bombardando dalla distanza e servendo Slaughter che appoggia. L’Aquila prova a reagire d’orgoglio e la bomba di Baldi Rossi chiude il primo tempo sul 38-45. Al rientro dagli spogliatoi l’Aquila prova a cambiare marcia: Shields e la schiacciata di Sutton dopo il furto a Gentile valgono il 42-45. Questa fiammata sembra essere solo di un illusione, visto che proprio Gentile, Lafayette e Aradori ridanno la doppia cifra di vantaggio alle vu-nere, prima che il vantaggio ospite dilati fino al 44-60 grazie ad un canestro del play di passaporto croato. Nel momento più duro Forray prova a tenere lì i suoi e segna dalla lunetta, prima che la bomba di Sutton chiuda il quarto sul 53-64. Trento inizia il quarto quarto indemoniata. Silins apre il quarto con la bomba, Forray lo segue e segna col runner. Bologna non riesce a sbloccarsi e ci pensa Aradori a segnare il primo canestro del quarto ospite. Gli ospiti non riescono a trovare soluzione offensive e iniziano a sparire dal campo: Behanan schiaccia di rabbia poi segna il – 4.
FINALE — Trento ha completamente cambiato la propria intensità difensiva, Sutton ruba e Shield segna accorcia ancora, prima che proprio Sutton porti avanti i suoi con la tripla (67-66). Bologna è in confusione, Silins mette la bomba del 70-66. La Virtus ha i campioni, non molla e pareggia grazie Gentile e Lafayette. Behanan dalla lunetta riporta avanti i suoi, Sutton schiaccia il + 4 a 28” dal termine. Slaughter non molla e riavvicina i suoi, ma non basta. La lotteria dei tiri liberi premia Trento con l’antisportivo fischiato proprio a Slaughter che chiude i conti.
TRENTO: Shields 19, Behanan 17, Shields 11
BOLOGNA: Aradori 21, Gentile 15, Umeh 12

DOMENICA — Il programma delle altre partite della prima giornata di Serie A. Domenica: ore 12 Brindisi-Torino; ore 17 Cremona-Milano; ore 18.15: Sassari-Cantù, Pesaro-Brescia; ore 20.45: Varese-Venezia. Lunedì ore 20.45 Avellino-Reggio Emilia. Capo d’Orlando-Pistoia posticipata a giovedì 5 ottobre (i siciliani impegnati nella qualificazione alla Champions League.

Sorgente: Basket, Serie A: Trento-Virtus Bologna 78-74. Non