L’asparago è una pianta buonissima e siamo sicuri che in tanti ne apprezzano l’inconfondibile gusto. Tuttavia, quando mangiamo asparagi ci accorgiamo che la nostra pipì emana un odore molto sgradevole.Vi siete mai chiesti perché la pipì dopo aver mangiato gli asparagi puzza? Ebbene, l’odore sulfureo inizia a manifestarsi circa un’ora dopo, ma l’origine non è del tutto chiara. Infatti, nelle urine analizzate di persone che avevano assunto asparagi sono stati trovati composti solforati che non sono presenti negli asparagi.Gli asparagi contengono asparagina e acido aspartico, sostanze che però non presentano zolfo. Un composto sospetto è il metilmercaptano, ma sarebbe contenuto nella pipì in quantità troppo bassa per causarne il tipico odore. Ci sarebbe una reazione metabolica che attualmente non è ancora spiegata. Per ora le indagini continuano.Gli ortaggi contengono un amminoacido (il triptofano) che sintetizza la serotonina, il neurotrasmettitore della felicità. In altre parole mangiare molti asparagi avrebbe effetti positivi sull’umore.Gli asparagi hanno origini molto antiche e già i Romani li mangiavano nel lontano 200 a.C. In alcuni trattati si legge di come coltivarli e se ne  consiglia il consumo. Gli ortaggi comparvero anche nelle scritture di Catone il Censore (III-II secolo a.C.), Plinio il Giovane (I secolo d.C.) e Apicio (I secolo d.C).Pensate che durante l’età imperiale gli asparagi piacevano così tanto che c’erano alcune navi commerciali allestite esclusivamente per il loro commercio.Infine, nel Quattrocento la coltivazione di asparagi approdò in Francia e nel secolo successivo divenne molto popolare anche in Inghilterra e Nord America: qui i nativi li essiccavano per usi officinali.E voi, ragazzi, mangiate asparagi?

Sorgente: Sai perché se mangi asparagi la pipì puzza? – Radio 105