Dopo l’amputazione di tutti e quattro gli arti (a causa di una meningite che l’ha colpita a 11 anni) Bebe Vio avrebbe pensato al suicidio. Ad ammetterlo è stata lei stessa, in un’intervista a Che tempo che fa.”Ho chiesto ai medici di uscire prima dall’ospedale perché era il mio compleanno, mio papà a casa mi faceva le medicazioni ma non avevo la morfina. Mi faceva molto male, urlavo ‘perché a me, perché a me’ e volevo suicidarmi”, racconta Bebe, “… Avevo 11 anni, volevo suicidarmi e mio padre mi diceva ‘Guarda, il letto non funziona, se vuoi ti porto alla finestra’. A quel punto mi disse: ‘Bebe, ma non rompere le palle che la vita è una figata!’. E io sono rimasta lì a pensare che la parte dura era finita e a quel punto era tutto relativamente in discesa. È stata questa frase a illuminarci”. Questo è ciò che la dolce Bebe ha raccontato, commuovendo mezza Italia.La sua forza d’animo e il suo coraggio sono un esempio per tutte quelle persone che si ritrovano ad affrontare difficoltà simili. Non è facile e non lo sarà mai, ma vale la pena tentare, perché la vita, come ha detto Bebe, è davvero una figata!

Sorgente: Bebe Vio: “La vita è una figata!” – Radio 105