Può succedere a tutti di realizzare che il lavoro che si sta svolgendo non è quello giusto o che il clima dell’azienda in cui si è inseriti non è più sostenibile. Firmare una lettera di dimissioni richiedendo la rescissione del proprio contratto di lavoro, infatti, è un diritto di tutti e deve essere sempre garantito. Quando però lo stress e la frustrazione del lavoratore raggiungono livelli critici, le dimissioni possono anche trasformarsi in uno strumento di sfogo, per mostrare tutto il risentimento nei confronti dell’azienda da cui ci si vuole allontanarsi.Un impiegato, ad esempio, per descrivere ai propri superiori come si è sentito durante lo svolgimento delle proprie mansioni, ha scelto di scrivere le proprie dimissioni su un pezzo di carta igienica. Per esprimere maggiore enfasi, inoltre, all’interno del messaggio è stato disegnato anche un water, il simbolo di una sottile metafora con cui l’impiegato ha deciso di congedarsi definitivamente dal proprio lavoro: “Ho scelto questo tipo di carta per scrivere la mia lettera di dimissioni e per rappresentare come quest’azienda mi ha trattato”.

Sorgente: Quando lo stress è troppo: impiegato firma le dimissioni sulla carta igienica – Radio 105