Mdp-Campo Progressista? C’eravamo tanto amati. Nel campo della sinistra si consuma la frattura, con il coordinatore di Mdp, Roberto Speranza, che dalle colonne del Corriere della Sera, lancia la costituente del nuovo soggetto, alternativo a Matteo Renzi, che si terrà il prossimo 19 novembre. “Il tempo – spiega Speranza – è finito. Abbiamo parlato troppo di noi, ora basta. Bisogna correre. Dobbiamo offrire all’Italia un’alternativa che riparta dal lavoro e dalla lotta alle diseguaglianze. Il 19 novembre è la data giusta per una grande assemblea democratica, in cui finalmente un popolo possa trovare una casa”.Speranza sottolinea che il progetto andrà avanti anche senza l’adesione di Giuliano Pisapia e del suo Campo Progressista: “Abbiamo parlato troppo di noi, ora basta. Bisogna correre, Pisapia è naturalmente protagonista di questa storia, ma non si può più perdere un solo minuto e neanche stare lì a parlare tutti i giorni di nomi dei big, invece che di proposte. È diventata una soap opera insopportabile”.Secca la replica dell’ex sindaco di Milano: “Non c’è problema. Buon viaggio a Speranza, sono sicuro che ci ritroveremo in tante battaglie”. “Io continuo in quello che ho sempre detto, non credo nella necessità di un partitino del 3%, credo in un movimento molto più ampio, molto più largo e soprattutto capace di unire, non di dividere”, ha aggiunto Pisapia.”Ricambio gli auguri di Buon viaggio a Giuliano Pisapia rimanendo in speranzosa attesa del suo partitone #insieme”. È la battuta con cui il senatore di Mdp Miguel Gotor replica su Twitter.

Sorgente: Separazione avvenuta