Inter-Milan non è stato uno spettacolo solo in campo: il colpo d’occhio è andato anche in tribuna

Spettacolo in campo e fuori. Un derby che, oltre ai gol e alle emozioni, ha regalato spettacolo anche sugli spalti, con coreografie, personaggi famosi e incasso da record. Scrive infatti il Corriere dello Sport: “Un muro umano. San Siro ieri sera ha indossato l’abito delle serate di gala con oltre 78.000 spettatori e il record assoluto italiano d’incasso per una partita di calcio (oltre 4,8 milioni). Già un’ora prima del fischio d’inizio sugli spalti non c’erano posti liberi e l’atmosfera è diventata sempre più elettrica. Un’ovazione ha accolto l’ingresso delle due formazioni per il riscaldamento, ma il primo vero boato è stato per Esteban Cambiasso che ha ritirato da Toldo la sua maglia di Inter Forever dopo aver fatto una passerella fino a centrocampo insieme ai figli su un tappeto color argento. Milito, il vice presidente Zanetti, Berti, Zamorano, Suazo e i tanti ex nerazzurri del passato hanno applaudito in tribuna. Non c’erano Jindong Zhang, “sostituito” dal figlio Steven, e Thohir, ma era assente anche Li Yonghong e David Han Li, tutti a migliaia di chilometri da Milano davanti alla tv come altri milioni di tifosi. Colpo d’occhio nelle due curve: la Sud rossonera ha mostrato gigantografie di cavalli e cavalieri accompagnate da parole in latino («Attraverso le asperità sino alle stelle») riconducibili a Cicerone, Seneca e Orazio, mentre la Nord nerazzurra, con cartoncini, bandierine e un mega striscione ha composto la scritta «Fai goal Fallo per Nord». Si è goduto lo spettacolo un nutrito parterre di vip nel quale hanno spiccato Bocelli, Bonolis, Iacchetti, Cattelan, il segretario della Lega Nord Salvini, il presidente del Coni Malagò e il tecnico Oddo. Spalletti ha abbracciato con calore e affetto Montella poi il calcio d’inizio del match”.

Sorgente: CdS – Inter-Milan, incassi da record: che spettacolo sugli spalti. E quanti vip in tribuna – FC Inter 1908

Leave a Reply

Your email address will not be published.