Da stamattina tutte le auto diesel private fino alla classe Euro 4 dovranno restare in garage fino alle 18.30. I veicoli commerciali diesel fino a Euro 3 invece non potranno circolare dalle 8.30 alle 12.30 fatte salve le disposizioni comunali in ordine a Ztl e a carico e scarico merci. Scatta pure l’obbligo di spegnere le caldaie a biomassa (in presenza di impianti di riscaldamento alternativi) che non rispettino almeno la classe energetica tre stelle. Sarà divieto assoluto per qualsiasi tipo di combustione all’aperto (falò, barbecue, fuochi d’artificio…). Le temperature medie in abitazioni e spazi commerciali dovranno rispettare il limite di 19 gradi, nessun veicolo potrà sostare con motore acceso, non si potranno spargere liquami zootecnici.I divieti si disapplicheranno quando, in base alla verifica effettuata nelle giornate di controllo settimanali di lunedì e giovedì sui dati delle stazioni di riferimento, la concentrazione misurata il giorno prima sarà sotto il limite di 50 microgrammi per metro cubo (ug/mc) e le previsioni meteo e della qualità dell’aria prevedono per il giorno in corso e il successivo condizioni favorevoli alla dispersione degli inquinanti. Oppure se si osserveranno due giorni consecutivi di concentrazione sotto il limite nei quattro giorni precedenti a quello di controllo. Esordisce il nuovo sistema regionale che si attiva in automatico in caso di emergenza. Le misure entrano in vigore in tutti i comuni sopra i 30 mila abitanti (quindi Brescia compresa) senza bisogno di ordinanze dei sindaci.È una novità che accomuna tutte e quattro le regioni del bacino padano (Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna) e cancella le iniziative a macchia di leopardo che negli anni scorsi si sono rivelate di scarsa efficacia. Ieri le centraline di Arpa Lombardia hanno registrato per il quinto giorno consecutivo il superamento della media provinciale di 50 ug/mc nelle province di Brescia, Milano, Monza, Mantova, Bergamo, e per il sesto giorno in quelle di Lodi e Cremona. Ne bastavano quattro, ma i giorni fissati per l’osservazione dei livelli delle polveri sono solo due alla settimana (lunedì e giovedì), e le misure sono scattate un po’ in ritardo. Ora le previsioni meteo di Arpa Lombardia danno pioggia tra giovedì e venerdì, e le polveri potrebbero rientrare nella norma. Se lunedì 23 si sarà verificata una delle due condizioni previste dall’Accordo di bacino, dal giorno dopo si tornerà alla normalità della circolazione. In caso contrario si andrà avanti. Certo è che il vasto campo di alta pressione presente su gran parte del Mediterraneo persisterà fino a domani, mantenendo condizioni di tempo favorevole all’accumulo di inquinanti anche per oggi. Poi l’indebolimento dell’anticiclone potrebbe portare a condizioni progressivamente più favorevoli alla dispersione degli inquinanti.L’ATTIVAZIONE delle misure di primo livello, scaturite dal nuovo Accordo di bacino sottoscritto durante il G7 Ambiente del 9 giugno scorso dal ministro Galletti e i presidenti delle quattro Regioni padane, è stata annunciata ieri dalla Loggia, con la precisazione che si applicano in automatico nei Comuni con popolazione superiore ai 30.000 abitanti appartenenti alla zona di Fascia 1 e 2 nel semestre invernale, dal 1 ottobre al 31 marzo dell’anno successivo. Si articolano su due livelli, al verificarsi del superamento continuativo del limite giornaliero di 50 ug/mc per il Pm10, registrato per più di 4 giorni (primo livello) o per più di 10 giorni (secondo livello). Le deroghe riguardano i veicoli utilizzati per finalità di tipo pubblico o sociale, per il trasporto di portatori di handicap o di persone sottoposte a terapie indispensabili e indifferibili. Le limitazioni si applicano su tutto il territorio urbano esclusi autostrade, strade regionali, tangenziale Sud e tratti di collegamento ai parcheggi prossimi alle fermate periferiche di bus e metro. Chi arriva dalla tangenziale sud potrà raggiungere il piazzale Ortomercato attraverso via Orzinuovi, i parcheggi metro di via Chiappa attraverso via Serenissima, quelli a est dell’area spettacoli viaggianti di via Borgosatollo, e della metro Poliambulanza.

Sorgente: Smog, da oggi fermi anche gli Euro 4 diesel – Città – Bresciaoggi

Leave a Reply

Your email address will not be published.