L’ex moglie di Marco della Noce decide di parlare dopo la notizia dei giorni scorsi in cui il comico dichiarava di essere sul lastrico. A gettarlo in mezzo a una strada sarebbe stato, a suo dire, un divorzio conflittuale, con impegni economici importanti a cui non è riuscito a far fronte facendo scattare inevitabili pignoramenti e sequestri. Ma stando a quanto dice l’avvocato della moglie la separazione non è il motivo per cui il comico è costretto a dormire in macchinaSi legge sul Corriere della Sera:”Marco Della Noce non ha detto la verità: i suoi guadagni li ha sperperati irresponsabilmente con il suo stile di vita, non certo per pagare il mantenimento dei figli. E se è sul lastrico non è per il sequestro della Partita Iva, che peraltro non è mai avvenuto, ma perché ha ricevuto grosse cartelle esattoriali dall’Agenzia delle entrate e è stato dichiarato evasore totale per diversi anni. Fatto di cui ora deve rispondere con ingenti somme al fisco”. ​​​​​​E ancora l’ex moglie di Marco Della Noce, per bocca del suo avvocato, Andrea Natale, scende nei dettagli:”Del resto, continua l’avvocato, la separazione è avvenuta ben 12 anni fa e in seguito Della Noce ha avuto un’altra relazione da cui è nata una figlia, relazione che è terminata poco tempo fa e per questo motivo ora si trova senza una casa. La ex moglie, da parte sua, non ha mai chiesto il mantenimento per sé e è ormai dal 2013 che Della Noce non corrisponde l’assegno per i due figli minori avuti dalla moglie. Nemmeno i libri di scuola gli ha mai pagato. Tanto che la signora ha dovuto trovare un lavoro per provvedere a loro e a sé stessa”Nei giorni scorsi Marco della Noce aveva dichiarato: “E’ successo così anche a me. Ho avuto un divorzio un pò troppo conflittuale e mi è stato imposto di versare per il mantenimento dei miei due figli una cifra alta, prima di 2.500 euro e adesso, dopo alcuni ricorsi, di 1.500, ma la crisi ha diminuito il lavoro, le serate, le ospitate, e così non sono riuscito a far fronte ai miei impegni e ho accumulato debiti che hanno dato corso a pignoramenti, e infine, anche allo sfratto. La cosa più triste è che, non avendo io un luogo idoneo dove incontrare i miei figli, non posso portarli a casa quando mi spetta tenerli”.”Ho voluto anche dare voce a tanti papà che hanno la mia stessa sventura”, ha raccontato il comico in Tv. Da anni infatti, complice la crisi economica, si vedono sempre più cittadini separati fare la fila alle mense per i poveri. Molti sviluppano anche patologie psicologiche dovute a umiliazione e solitudine. Anche Della Noce – lui che è abituato a far sorridere – è caduto nel baratro della depressione, e adesso si trova in cura all’ospedale milanese di Niguarda.

Sorgente: “Non ha detto la verità. I suoi guadagni li ha sperperati di certo non li ha spesi per i suoi figli”