Torna sul caso Bankitalia il leader del Pd Matteo Renzi ospite di ‘1/2h in più’. “Gentiloni ed io – ha raccontato a proposito della mozione – l’abbiamo saputo più o meno nello stesso momento”. “L’ha preparata il gruppo Pd”. “E’ evidente che il governo sapesse il contenuto della mozione al punto che su alcuni passaggi, come la discontinuità, non era d’accordo, Gentiloni mi ha chiamato e l’abbiamo cambiata”, sottolinea. “Che ci fosse una mozione era noto a tutti, che il contenuto fosse troppo duro me l’ha detto Gentiloni per chiedermi di cambiarlo. Io ero in treno…”. “Nella mozione Pd – ha detto ancora – c’è un giudizio sul passato, ma per il futuro sceglierà Gentiloni. Io non ho nomi. Ho un profilo: vorrei che chiunque fosse scelto sia il migliore o la migliore possibile”. “Volete nominare Visco? Fatelo. Volete nominare un altro? Fatelo. Ma il giudizio su quanto accaduto deve essere il più laico possibile”, sottolinea.”Sia nel merito che nel metodo rivendico quanto fatto” con la mozione Pd su Bankitalia, ha aggiunto. “Io trovo curioso – ha detto ancora – che certa sinistra abbia quasi una subalternità culturale verso l’istituzione Bankitalia”. “Io quella mozione” su Bankitalia “non l’avrei giudicata ammissibile se fossi stato il presidente della Camera, che non sono”, ha affermato infine sulla mozione M5s.

Sorgente: Bankitalia, Renzi: ‘Scegliere il migliore. La mozione? Io e Gentiloni saputo nello stesso momento’ – Politica – ANSA.it