Amazon e Jeff Bezos, nella foto, hanno fatto del rischio una scienza. Getty images

Nella sua lettera agli azionisti del 2016, Jeff Bezos ha fatto una distinzione fra le decisioni di Tipo 1 e di Tipo 2.

Le decisioni di “tipo 1” sono irreversibili e devono essere prese con cautela. Le decisioni di “tipo 2” sono reversibili, come le “porte che si aprono da tutte e due i lati”, e devono essere prese rapidamente.

La disponibilità e la capacità di Amazon di adottare le decisioni di tipo 2 sono state un fattore importante nel suo successo.

Questo secondo Scott Galloway, professore di marketing presso la Stern School of Business della New York University e fondatore dell’azienda di intelligence digitale, L2.

Nel suo nuovo libro “The Four: ovvero, come costruire un’azienda da un trilione di dollari“, Galloway spiega come la mentalità propensa al rischio di Bezos abbia aiutato Amazon a diventare una delle aziende più potenti al mondo.

Galloway menziona alcuni motivi per cui l’audacia di Amazon per quanto riguarda le decisioni di tipo 2, come quella di un magazzino galleggiante, abbia poi ripagato:

1. Amazon non va per il sottile se si tratta di stroncare rapidamente investimenti che non stanno andando da nessuna parte – pensate al Fire Phone – dal momento che significa liberare capitale da investire altrove;

2. Alcuni di questi investimenti pazzi sono diventati enormi vittorie – pensate a Amazon Prime e Amazon Web Services.

Leggi anche: Sette incredibili dati che rivelano le mostruose dimensioni raggiunte da Amazon

Galloway dice che Amazon è incredibilmente accorto a non andare avanti a capofitto in progetti finché non è sicuro che questi progetti funzioneranno. Ad esempio, Amazon ha costruito un piccolo numero di negozi di mattoni e cemento perché non ha trovato una formula adeguatamente scalabile. Amazon è diverso da molte altre organizzazioni a questo proposito, dice Galloway.

Il primo negozio ‘fisico’ di Amazon, una libreria aperta a Seattle nel 2015. Stephen Brashear/Getty Images

Scrive:

“La mia esperienza nelle imprese tradizionali è che qualsiasi cosa nuova viene vista come innovativa e le persone assegnate ad essa, come qualsiasi genitore, diventano irrazionalmente appassionate rispetto al progetto e rifiutano di riconoscere quanto stupido e brutto il loro piccolo progetto sia diventato. Di conseguenza le aziende tradizionali non solo hanno meno capitale da investire, ma meno spazio di manovra“.

Inoltre, dice Galloway, la maggioranza degli amministratori delegati “non correranno mai dei rischi per investimenti che abbiano meno del 50 per cento di probabilità di successo – non importa quanto sia grande il potenziale guadagno”. Al contrario, Bezos ha dichiarato nel 1997, “Data una probabilità del 10% di un guadagno di cento volte superiore, dovresti accettare quella scommessa ogni volta”.

Quando ha visitato l’ufficio di Business Insider nel mese di ottobre, Galloway ha dichiarato che il successo attuale di Amazon è senza precedenti: “Amazon può ora prendere in prestito denaro ad un costo inferiore di quello a cui la Cina può prendere in prestito denaro, di conseguenza è in grado di tirar fuori più cose di qualsiasi altra azienda”.

Leggi anche: Amazon oltre l’e-commerce: contro l’apocalisse del retail scommette sul negozio fisico. Ma lo fa alla sua maniera

Quindi, se un progetto non funziona, “per loro si tratta solo di un piccolo dosso, mentre altre aziende sarebbero probabilmente costrette a chiudere l’attività o a vedere le loro azioni dimezzate”.

L’accesso di Amazon a un capitale più economico gli ha permesso di prendere decisioni come spendere circa 4,5 miliardi di dollari per la programmazione tv e i video, ha detto Galloway. “Amazon può entrare in categorie non tipicamente sue e farsi notare e essere leader in tempi record perché ha accesso a un capitale più economico. In effetti, questa azienda sta giocando in modo ingiusto e sta vincendo”.

 

Sorgente: Uno dei principali segreti del successo di Amazon sono le ‘decisioni di tipo 2’ – Business Insider Italia

Leave a Reply

Your email address will not be published.