Affida le sue parole a un post pubblico sul suo profilo di Facebook, Mark Zuckerberg, collegato a ben 2 miliardi di persone. Un messaggio importante per ribadire che il social network è schierato in prima linea contro l’utilizzo delle inserzioni su Facebook a scopo illecito. Dopo il caso Russiagate, che ha fatto emergere finanziamenti illegali in occasione delle ultime elezioni presidenziali, Zuckerberg annuncia una stretta sulle inserzioni pubblicitarie: regole più rigide per garantire la trasparenza di quanto viene pubblicato.Da novembre, infatti, saranno testati nuovi strumenti che miglioreranno la gestione degli annunci su Facebook, specialmente per le inserzioni con finalità politiche: ad esempio diventerà obbligatorio per gli inserzionisti dimostrare la propria identità e indicare il finanziatore della campagna pubblicitaria. In questo modo, tali annunci verranno etichettati come “politici” e sarà così più semplice per il social network bloccare azioni illegali come quelle che hanno in qualche misura agevolato Donald Trump nel diventare Presidente degli Stati Uniti.Un’altra novità è rappresentata dal fatto che tutti gli utenti potranno consultare tutti gli annunci pubblicitari di una determinata pagina, anche quelli passati. Non solo: potranno visionare i dettagli delle campagne pubblicitarie politiche, come ad esempio l’investimento, il target selezionato per l’inserzione e altre informazioni correlate.Ma Zuckerberg si spinge anche oltre e spiega che ha messo al lavoro i migliori ingegneri della sua società per migliorare il sistema di identificazione degli annunci politici e di revisione delle varie inserzioni degli utenti attraverso il “machine learning”, cioè l’apprendimento automatico delle macchine.

Sorgente: Più trasparenza per le pubblicità di Facebook: parola di Mark Zuckerberg – Radio 105

Leave a Reply

Your email address will not be published.