La decisione di Lorde di annullare il suo concerto del 5 giugno a Tel Aviv in polemica contro la politica di Israele le sta causando sempre più problemi e commenti negativi. Prima le dure parole dell’ambasciatore israeliano in Nuova Zelanda (il paese di origine della popstar), ora una pagina comprata sul Washington Post da un’organizzazione ebraica, la This World: The values network, che ha accusato Lorde addirittura di antisemitismo.«Boicottiamo i boicottatori e diciamo a Lorde e ai suoi amici bigotti che nel ventunesimo secolo non c’è spazio per l’odio verso gli ebrei», si legge su questa pagina a pagamento, che veniva introdotta da un titolo che accusa Lorde di «ignorare la Siria per attaccare Israele». Una delle accuse rivolte a Lorde infatti è aver usato due pesi e due misure, e di aver mantenuto le date in Russia, nonostante «l’appoggio di Putin al regime di Assad in Siria». Insomma, secondo l’organizzazione, Lorde sarebbe «ipocrita», quando parla di diritti umani.

Sorgente: Lorde accusata di antisemitismo dopo la cancellazione del concerto in Israele – Radio 105

Leave a Reply

Your email address will not be published.