Barack Obama torna la prossima settimana sulla tv Usa per la prima volta da quando ha lasciato la Casa Bianca e l’appuntamento su Netflix segna un altro grande ritorno: “Il mio prossimo ospite non ha bisogno di presentazione” è il nuovo show di David Letterman che debutterà il 12 gennaio con l’ex presidente come primo intervistato. Barba da Babbo Natale, alle spalle il “Mark Twain America Prize for Humor” (l’equivalente degli Oscar per i comici Usa), Letterman è stato pagato dal servizio tv in streaming Netflix 2 milioni di dollari per ciascuna delle prime sei puntate in onda con cadenza mensile da qui a giugno.Obama, che è già stato ospite di Letterman otto volte nell’arco della sua presidenza, di recente si è fatto intervistare dal principe Harry per la Bbc: l’apparizione su Netflix sarà la prima negli Usa a un anno (meno otto giorni) dal passaggio delle consegne a Donald Trump. “Ho scelto tutte persone che ammiro”, ha detto il 70enne “re dei comici” annunciando il line-up che assieme all’ex presidente include gli attori George Clooney e Tina Fey, la premio Nobel Malala Yousafzai, il rapper Jay-Z e lo scandaloso imbonitore della radio satellitare Howard Stern. In agosto, annunciando di aver accettato l’offerta di Netflix di tornare in tv dopo due anni di pensione, il comico aveva elencato Papa Francesco, il leader nordcoreano Kim Jong-un e Donald Trump nella sua lista dei desideri.”Lo conosco da 25-30 anni”, aveva detto del presidente Usa: “Vorrei tornare a New York dove era bambino e chiedergli come è cambiato da adulto, come ha cominciato e dove pensa di andare”. L’addio di Letterman nel 2014 fu un lutto per la tv americana. Tanti i suoi ‘figliocci’, come Jimmy Fallon o Jimmy Kimmel. Tanti sketch classici del leggendario “Late Show” come gli ‘Stupid Pet Tricks’ e la lista delle “top 10” diventate istituzioni della cultura pop. Non è chiaro cosa farà Dave con Obama e se la politica, come tutti si aspettano, sarà al centro dell’ora di conversazione con l’ex presidente.Lo show rientra nello sforzo di Netflix di creare contenuti originali per i suoi abbonati. Sulla stessa linea dello show di Letterman, l’anno scorso il servizio di tv in streaming ha ripescato Jerry Seinfeld con la serie “Comedians in Cars Getting Coffee” e ha realizzato due special di capodanno con Dave Chappelle. L’obiettivo, ha spiegato a Variety il capo dei contenuti Ted Sarandos, è di arrivare a metà del catalogo fatto di produzioni esclusive Netflix con una spesa nel 2018 di 7 miliardi di dollari, 2 miliardi di più del 2015.

Sorgente: Obama torna sulla tv Usa, ospite di Letterman – Tv – ANSA.it

Leave a Reply

Your email address will not be published.