Sembra una sorta di “mea culpa” quello che ha spinto alcuni dei più famosi conduttori della Bbc ad annunciare di volersi ridurre lo stipendio dopo le ultime polemiche sulla disparità di trattamento salariale fra uomini e donne nell’emittente pubblica britannica. Così sei volti e voci noti della tv e della radio, presentatori e ‘anchormen’ amati dagli abbonati di ‘Auntie’ (la ‘zietta’, come viene chiamata familiarmente la Bbc), hanno scelto di passare ai fatti decurtando il proprio salario come segno di solidarietà a Carrie Gracie, la corrispondente che ha dato le dimissioni dal suo incarico in Cina per protestare contro la discriminazione contrattuale nei confronti suoi e delle sue colleghe.Fra le ‘star’ della Bbc che hanno voluto dare il buon esempio c’è il conduttore radiofonico Nicky Campbell, che ha fatto addirittura l’annuncio mentre era in onda col suo programma.Oltre a lui nella lista si contano altri presentatori e giornalisti di fama come Jeremy Vine, John Humphrys, Huw Edwards, Nick Robinson e Jon Sopel, che hanno stipendi compresi fra le 200 mila e le 750 mila sterline l’anno. Ad esempio Sopel, come rileva la stessa Bbc sul suo sito, è nel gruppo di dipendenti che incassano tra le 200 mila e le 250 mila sterline, per il suo posto di capo dell’ufficio di corrispondenza negli Usa, mentre Gracie ne guadagnava 135 mila, nonostante l’incarico simile nella sede di Pechino.Stipendi molto più alti anche per gli altri dipendenti ‘pentiti’: i conduttori Vine e Humphrys portano a cosa cifre tra i 600 mila e i 750 mila pound l’anno, mentre il mezzobusto di Bbc News, Edwards, tra le 550 e le 600 mila. Rispondendo alle domande dei reporter, Vine ha affermato che il problema del ‘gap’ salariale di genere deve essere risolto e che le colleghe hanno tutto il diritto di protestare per avere lo stesso trattamento economico degli uomini.L’iniziativa di ‘autoregolamentazione’ è stata accolta con entusiasmo dall’emittente pubblica, che così può tirare un sospiro di sollievo dopo le forti critiche ricevute nelle scorse settimane. “Sono grandi giornalisti e presentatori che hanno un forte legame col pubblico. Siamo fieri di averli alla Bbc”, ha detto un portavoce dell’istituzione radio-televisiva, aggiungendo che i dettagli della riduzione di stipendio sono in discussione.E’ comunque emerso sui media del Regno che i tagli dovrebbero essere fino a un massimo del 30% rispetto all’attuale trattamento. Ma la polemica non è destinata a esaurirsi così facilmente. E’ atteso per la prossima settimana un rapporto indipendente sul divario salariale all’interno dell’emittente pubblica, mentre Gracie porterà la sua testimonianza di fronte a una commissione parlamentare. Resta da chiedersi se l’iniziativa autonoma dei volti noti di Bbc alla fine non comporti un generale livellamento di tutti gli stipendi, di uomini e donne, al ribasso e non al rialzo.

Sorgente: Bbc, i giornalisti si tagliano lo stipendio per solidarietà con le colleghe

Leave a Reply

Your email address will not be published.