Dalla donna più giovane mai eletta al Congresso alle prime musulmane che diventano deputate americane, dalla rifugiata alla prima nativa americana omosessuale: sono alcuni dei volti nuovi tra i democratici emersi dalle elezioni di Midterm negli Stati Uniti.

Sotto: Alexandria Ocasio-Cortez

– ALEXANDRIA OCASIO-CORTEZ (democratica). Nata nel Bronx 29 anni fa, è la donna più giovane eletta al Congresso. Ocasio-Cortez sta ancora pagando il suo prestito per l’Università e fino a poco tempo fa non aveva neppure un’assicurazione sanitaria. E’ diventata il volto nazionale dei giovani democratici scontenti, spesso donne e minoranze, che cercano di spingere il partito a sinistra.

Sotto: Rashida Tlaib

– RASHIDA TLAIB (democratica). Figlia di immigrati dalla Palestina, è la prima donna musulmana ad essere eletta al Congresso americano, nel suo distretto per la Camera in Michigan. I suoi parenti in Cisgiordania hanno salutato la notizia con un misto di orgoglio e speranza che sarà in grado di sfidare l’amministrazione degli Stati Uniti, ampiamente considerata ostile ai musulmani e alla causa palestinese.

Sotto: Ilhan Omar

– ILHAN OMAR (democratica). Anche lei musulmana, ha vinto in Minnesota. Omar, che aveva già conquistato la copertina di Time, sarà la prima rifugiata africana e la prima ad indossare l’hijab al Congresso, diventando “il peggior incubo di Donald Trump”.

Sotto: Antonio Delgado

– ANTONIO DELGADO (democratico). Antonio Delgado è passato da rapper a avvocato aziendale prima di iniziare una carriera in politica. Laureato in giurisprudenza ad Harvard ha avuto una breve carriera nell’hip-hop a Los Angeles, dove con il nome ‘AD the Voice’, si è battuto sui temi della disparità sociale.

Sotto: Sharice Davids

– SHARICE DAVIDS (democratica). La nuova arrivata democratica ha sconfitto il rappresentante in carica Kevin Yoder in Kansas per diventare la prima nativa americana Lgbt al Congresso. L’attivista 38enne, avvocato e new entry della politica ha già raccolto l’attenzione a livello nazionale.

 

Sotto: Abigail Spanberger

– ABIGAIL SPANBERGER: per i dem sembrava una ‘mission impossible’ conquistare il collegio per la Camera numero sette di Richmond, Virginia, appannaggio dei repubblicani dal 1970, ma l’ex agente Cia Abigail Spanberger è riuscita ad infiammare l’ala più liberal del partito e ha battuto il deputato uscente David Brat (50,01% contro 48,7%).

Sorgente: Midterm: dalla profuga al rapper, le new entry dem – Mondo – ANSA.it

Leave a Reply

Your email address will not be published.