RAWF8 VIA GETTY IMAGES

“Ho litigato con mia moglie, non ne posso più, meglio stare in galera che a casa con lei tutto il giorno”. È quello che ha detto un uomo di 50 anni di Catania che, evaso dagli arresti domiciliari dopo l’ennesimo litigio con la moglie, ha deciso di tornare in carcere. Come riporta Catania Today, l’uomo si è tolto il braccialetto elettronico obbligatorio per poi recarsi direttamente alla casa circondariale di Giarre, in provincia di Catania.

Presentatosi davanti al carcere, ha suonato al citofono dicendo agli agenti della polizia penitenziaria di essere evaso dal proprio domicilio e di volere essere incarcerato. Sul posto, su richiesta del personale della penitenziaria, è giunta una pattuglia di militari che non ha potuto far altro che identificare e arrestare l’uomo.

Il cinquantenne è stato trattenuto dai carabinieri e, dopo il giudizio per direttissima, è stato nuovamente condannato ai domiciliari con la riattivazione del braccialetto elettronico.

Tutto è iniziato con un furto commesso il 26 aprile 2018 in un supermercato di Patti in provincia di Messina che gli era costato gli arresti domiciliari nella residenza di Catania.

Sorgente: Evade dai domiciliari e torna in carcere: “Meglio stare qui che con mia moglie a casa” | L’HuffPost

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.