L’amore per il pianeta non va in vacanza. Il rispetto per la natura è un impegno che va mantenuto sempre, senza fare eccezioni in estate o quando esploriamo luoghi nuovi. Qualunque sarà la nostra meta vacanziera e anche se sceglieremo di rimanere in città, esistono buone pratiche e piccole regole quotidiane da mettere in pratica per salvaguardare l’ambiente durante la bella stagione.

Ridurre l’impatto ambientale non significa ridurre relax e divertimento. Dunque, ecco 3 mosse intelligenti per evitare sprechi, dare una mano al pianeta e rendere la nostra estate davvero green.

 

1. Evitiamo lo spreco di acqua e di energia elettrica

L’acqua è un bene prezioso, ancor più quando le temperature salgono. Il rischio siccità e l’impari disponibilità di acqua potabile per l’intera popolazione mondiale ci impongono di usare questa risorsa in maniera responsabile. Per evitare lo spreco idrico possiamo partire dai piccoli gesti quotidiani: la doccia può durare 5 minuti anziché 10; è possibile utilizzare riduttori di flusso ad hoc; è buona norma controllare che i rubinetti non gocciolino e chiuderli mentre si lavano i denti o si fa la barba. Un’altra mossa eco-friendly è ridurre l’uso di energia elettrica. Tenere spente le luci quando possibile, usare la lavatrice e lavastoviglie a pieno carico e a basse temperature, adoperare in maniera consapevole l’aria condizionata e non dimenticare gli elettrodomestici in stand-by: queste sono solo alcune delle piccole accortezze che possiamo adottare per non sprecare elettricità.

 

2. Salvaguardiamo il nostro mare e le nostre spiagge

L’inquinamento ambientale rappresenta una delle emergenze più grandi della contemporaneità a causa delle gravi conseguenze su flora, fauna e qualità della vita di ognuno di noi. L’accumulo di rifiuti (costituiti anzitutto da materiale plastico) creatosi nei decenni sta modificando l’aspetto e la qualità di mari e spiagge, luoghi di relax estivo per antonomasia. Agire in prima persona per arginare il fenomeno è fondamentale. Molte istituzioni e realtà si sono mobilitate e si stanno mobilitano per facilitare i cittadini in questo compito. Nell’ambito dell’impegno per la riduzione della plastica, per esempio, Carte d’Or ha stabilito una partnership con WWF Italia, diventando main partner del Tour “Spiagge Plastic Free”, nella Campagna GenerAzione Mare. Liberare dalla plastica i litorali italiani e promuovere visite alle Oasi e alle aree protette WWF, sensibilizzare alla salvaguardia del Mar Mediterraneo e delle sue specie simbolo, portare avanti campagne informative sulla sostenibilità ambientale attraverso i canali della grande distribuzione: ecco alcune iniziative della partnership da cui prendere ispirazione per rendere più green la nostra estate.

 

3. Ridurre l’uso di prodotti e imballaggi usa e getta

L’utilizzo di plastica monouso è una delle maggiori cause di inquinamento ambientale, anzitutto in estate. Per esempio, chi di noi non ricorda di aver degustato un pranzo estivo, in spiaggia o al parco, nel classico piatto di plastica? Ecco: per salvaguardare il pianeta, dovremmo ricorrere a prodotti riutilizzabili e, se proprio impossibilitati, optare per quelli compostabili, acquistare dove possibile prodotti sfusi e scegliere confezioni più snelle e cercare di riciclare di più e meglio. A livello mondiale, infatti, solo il 14% degli imballaggi di plastica arriva agli impianti di riciclo e solo il 9% viene effettivamente riciclato, mentre un terzo finisce per essere disperso in natura. Ai cittadini spetta il compito di agire e acquistare consapevolmente, mentre le aziende possono introdurre nuovi modelli di consumo: a tale riguardo, un esempio virtuoso è rappresentato dalle nuove vaschette compostabili e riciclabili del gelato Carte d’Or, brand leader del settore e simbolo della bella stagione.

 

 

Godersi un buon gelato è un irrinunciabile rituale estivo e oggi, grazie alla nuova vaschetta Carte d’Or, gusto fa rima con ecosostenibilità. “Tutto il gusto di sempre, rispettando l’ambiente” è, infatti, la missione di Carte d’Or per il lancio sostenibile dei suoi prodotti di punta, amati dai consumatori e considerati da sempre come la migliore alternativa al dessert. L’innovazione del packaging riguarda la linea Classici, rivoluzionata grazie a confezioni da 400g fatte di carta certificata PEFC, accoppiata con uno strato di PLA (acido polilattico, ossia bioplastica ottenuta da amido di mais) che consente di essere impermeabile e, dunque, adatta al gelato. Le vaschette sono compostabili (quindi possono essere recuperate nell’umido) oppure, a seconda delle normative locali, riciclabili (con la carta). La gustosa offerta prevede le tradizionali varianti panna, nocciola, stracciatella, cioccolato fondente, tartufo, caffè, tiramisù, yogurt e frutti di bosco, cocco e limone sorbetto, a cui si aggiungono due nuovi squisiti gusti: pistacchio e vaniglia e cookies. L’operazione è parte della strategia globale di Unilever “No, less, better plastic” e contribuirà a togliere dal mercato 43 tonnellate di plastica ogni mese, 10 tonnellate ogni settimana. Per saperne di più: Carte d’Or Sustainability.

 

Sorgente: L’ecologia non va in vacanza: 3 consigli per un’estate green | L’HuffPost

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.