Prete minaccia di picchiare i rapper ed Emis Killa risponde: “Quando vuoi”

Credits: Instagram

Una volta era il rock, poi c’è stato il metal; adesso, invece, sembra sia il rap a essere considerata la “musica del diavolo”, ossia un genere musicale diseducativo e che può avvicinare i giovani al male. Questo almeno è il pensiero di Don Pietro Cesena, il parroco di Borgotrebbia, frazione di Piacenza: il sacerdote si è fatto conoscere perché durante un’omelia ha parlato proprio dei rapper, definendoli per ben due volte come “st****i”, colpevoli di inculcare ai giovani idee sbagliate, cantando solo di denaro, droga, sesso e violenza.

Secondo il sacerdote, i più giovani vengono attirati facilmente da questi artisti perché magari vivono un momento difficile, un momento di ribellione o di conflitto con i genitori e in quella musica trovano un libero sfogo alla loro rabbia, ma poi il rischio è quello che entrino nel mondo della droga o che diventino dei bulli. Don Pietro Cesena ne è convintissimo: “L’ho già detto in omelia e lo ribadisco – ha dichiarato a quotidiano.net – se incontro un rapper lo picchio, poi mi picchia lui, ma io mi ci butto dentro perché non è possibile che i nostri ragazzi ascoltino da questi st****i che ciò che vale è solo la carriera, i soldi, il sesso, la droga”.

A rispondere al sacerdote “anti-rapper”, come è stato ormai definito, ci ha pensato un esponente di questo genere musicale, Emis Killa: “Don Pietro, quando vuoi – ha detto in un video tra le story di Instagram – se vuoi menare un rapper, vieni a menare me. Il mio amico non vede l’ora”, ha concluso, indicando un suo amico che nel video guidava l’auto sulla quale stavano viaggiando. Quella tra il parroco di Borgotrebbia e il rapper milanese sembra ormai una vera e propria sfida: come reagirà il sacerdote alla risposta di Emis Killa? Staremo a vedere.

 

Sorgente: Prete minaccia di picchiare i rapper ed Emis Killa risponde: “Quando vuoi” – Radio 105

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.